“Chi l’ha visto?” garanzia di Rai3, il live della Barbara sarà per Canale5 la controprogrammazione giusta al pallone di metà settimana?

Gli ottavi di Champions League vincono la prima serata di ieri, mercoledì 13 marzo, con 3 milioni 593 mila telespettatori e il 14,47% di share, un buon risultato visto che nonostante fossero team blasonati, Bayern Monaco e Liverpool non sono italiani. E nel mercoledì dove il calcio spesso prende il sopravvento insorge su Canale5 il live “Non è la D’Urso”, una maratona di oltre tre ore di diretta con tanti ospiti, tra i quali Al Bano e family2, all’indomani dell’inserimento nella black list dell’Ucraina, e il sempre chiacchierato Fabrizio Corona. Il programma ha interessato 2 milioni 795 mila telespettatori, siglando il 17,14% di share. Sui social c’è chi commenta: “Neanche 2 ore di live di Non è la D’Urso hanno asfaltato un’intera edizione dell’Isola dei famosi”. Più pacato l’esperto tv @MaScaglioni che scrive: “Stessi risultati dell’Isola. Inevitabile che verrà da pensare perché spendere tanto per stessi risultati fatti in casa. Col rischio di giocare al ribasso”.

Prodotti più economici del reality e più seguiti? Giancarlo Scheri, direttore di Canale5, intanto, forse si è assicurato un bottino di share base per il prossimo reality in partenza, “il “Grande fratello”, con la D’Urso che ha il suo solido seguito. Un solido seguito che al mercoledì accompagna sempre anche Federica Scarelli con “Chi l’ha visto” su Rai3 che ha ottenuto 2 milioni 203 mila telespettatori e il 10,51% di share. Da non sottovalutare, infine, su Rai2 la fiction “La porta rossa”, già alla seconda stagione, con il fantasma dell’ispettore Cagliostro che, dopo l’ispettore Coliandro e il vicequestore Rocco Schiavone, ha il suo pubblico compatto: ieri ha registrato 2 milioni 641 mila spettatori con l’11,5% di share.