Barachini: i direttori Rai li nomina l’ad con parere del cda

- Roma
Il presidente della commissione di Vigilanza sulla Rai, Alberto Barachini (FI).

Il presidente della Vigilanza annuncia il voto sul presidente per l’1 agosto e prima vuole audire Di Maio e Tria.

Ha riunito a San Macuto il suo primo ufficio di presidenza. E al termine dei lavori – durante i quali si è stabilito che mercoledì 1 agosto alle 8.30 si voterà il presidente Rai – Alberto Barachini (FI), presidente della Vigilanza, ha subito chiarito che aria tira a San Macuto. Ha letto i retroscena dei giornali sui casting serali a Palazzo Chigi per le nomine Rai. E ha capito che M5S e Lega stanno trattando anche sui nuovi direttori dei telegiornali. La Riforma Rai – ha ricordato a Matteo Salvini e Luigi Di Maio – “riserva la competenza sulle nomine dei direttori all’amministratore delegato, previo parere obbligatorio del cda, parere che, nel caso dei direttori di testata, è vincolante se espresso con la maggioranza dei due terzi”. Ma non basta. Barachini ha chiesto l’audizione del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, e del ministro dello Sviluppo, Luigi Di Maio, già prima delle nomine di ad e presidente. Infine, non pago, ha suggerito al nuovo ad di valorizzare le risorse interne nella scelta dei direttori di rete e di testata.

Suggerimenti utili per Salvini – che promette “belle persone” – e Di Maio – “non mettiamo nostri compagni”. Una diarchia giallo-verde che ancora non ha sciolto il nodo ad-presidente. La legge suggerisce consiglieri di entrambi i sessi e quindi nel ticket ci dovrebbe essere una donna ed è probabile che sia il presidente. Mentre si segnala un Marcello Ciannamea, direttore dei palinsesti Rai, in recupero su Fabrizio Salini per la poltrona di ad. Venerdì in CdM l’ardua sentenza.

Approfondimenti