Cairo conferma la “squadra”. Unico innesto Licia Colò

- Roma

La7 si conferma la Rete dell’informazione: 3.621 ore l’anno. L’obiettivo è migliorare week-end e access prime time.

Fabrizio Salini sfoggia Fiorello (ma ha il problema del cachet); Pier Silvio Berlusconi la Champions League (ma deve aspettare i tribunali); Urbano Cairo si accontenta di Licia Colò e va sul sicuro. La7 presenta i palinsesti autunno-inverno e scommette – ha spiegato il patron – sul “dare continuità alla nostra identità, chiara e precisa nella mente degli spettatori. Quella di una Rete autorevole, credibile, e soprattutto – come non ha mancato di ricordare Massimo Giletti (con un pizzico di acredine nei confronti dell’Afghanistan Rai) “libera”. Gli spettatori, insomma, ritroveranno gli stessi volti su La7.

Diego Bianchi (contratto rinnovato per altri tre anni) e Makkox andranno avanti con “Propaganda live” che quest’anno 10 volte su 11 ha battuto la concorrenza di un certo Maurizio Crozza su La9; poi spazio all’inossidabile Lilli Gruber che 189 volte su 190 ha battuto la concorrenza di Barbara Palombelli con “Stasera Italia”. Il “capitano” della squadra resta Enrico Mentana con il Tg, le maratone e il suo “Bersaglio mobile”. Corrado Formigli (contratto rinnovato per altri cinque anni) tornerà con “Piazza Pulita” e i suoi reportage. Giovanni Floris con “Di Martedì” continuerà a contendere lo share a #Cartabianca di Rai3 (35 confronti vinti su 36 contro Bianca Berlinguer). Massimo Giletti – corteggiato da Viale Mazzini (e non solo) è confermato alla domenica per altri due anni con “Non è l’Arena”, ma con libertà di esplorare nuovi format in prime time. E infine una sola novità, Licia Colò alla guida di “Eden”. Perché c’è bisogno di grande attenzione all’ambiente. Tema trattato anche da Andrea Purgatori e il suo “Atlantide” e dalla Serie “Chernobyl”, già trasmessa da Sky a pagamento e ora in arrivo in chiaro. Miniserie targata HBO che, in 5 episodi, racconta il devastante disastro che si verificò nell’Ucraina sovietica il 26 aprile 1986, rivelando le vicende degli eroi che hanno affrontato il dramma a costo della loro vita.

Una Rete, quella diretta da Andrea Salerno, che soprattutto grazie alle 3.621 ore d’informazione all’anno, chiude la stagione con i migliori ascolti degli ultimi sei anni, pur sapendo – ha chiosato Cairo – che “alcune parti del palinsesto sono ancora da puntellare: access prime time, sabato e domenica. La7, inoltre, trasmetterà il docufilm “Our Godfather”: la storia di Tommaso Buscetta e la testimonianza diretta della sua famiglia, che rompe il suo silenzio dopo 30 anni di latitanza. Una serata evento presentata e introdotta da Mentana.