Champions League: il sorteggio impone la par condicio a Canale5

- Roma
foto dal profilo Twitter @SkySport

Una gara per uno in chiaro per Atalanta, Juventus e Napoli. Per la quarta partita a Cologno sceglieranno tra Salah e Icardi...

Il Napoli se la vedrà col Barcellona di Messi, la Juventus con il Lione senza Depay e l’Atalanta con il Valencia di Rodrigo. Si alza il sipario sugli ottavi di Champions League e per le tv è tempo di organizzare il palinsesto del prime time. Per Sky nessun problema: trasmetterà tutte le gare in diretta e a pagamento. Mediaset, invece, trasmetterà quattro partite in chiaro su Canale5. Solito schema per la Rete di Giancarlo Scheri: il martedì ottavo di finale in diretta. Il tutto con ampio pre-partita sul canale 20 destinato il prossimo anno a diventare la Rete dello sport del “Biscione”. Il mercoledì, su Italia1, “Pressing Champions League” condotto da Giorgia Rossi, con highlights e commenti. A giudicare dai sorteggi scelte obbligate, o quasi, per Canale5 che trasmetterà una volta la Juventus, una volta il Napoli e una volta l’Atalanta. Il quarto martedì, invece, spazio a un big match tra squadre straniere.

Martedì 18 febbraio alle 21 a Cologno dovranno scegliere tra Borussia Dortmund-Paris Saint-Germain e Atletico Madrid-Liverpool. La batteria di cannonieri dei francesi, tra cui Icardi, contro il tridente delle meraviglie dei Reds campioni d’Europa. Il 25 febbraio invece Napoli-Barcellona, il 10 marzo Valencia-Atalanta e il 17 marzo Juventus-Lione. E chissà che i partenopei, considerando l’appeal della sfida, per una volta non riescano a fare più ascolti della “Vecchia signora”.

Sorteggio in discesa, invece, per Inter e Roma impegnate nei sedicesimi di finale dell’Europa League. Alla squadra di Fonseca i belgi del Gent. Ai ragazzi di Conte i bulgari del Ludogorets. Due match che saranno anche questi in diretta su Sky a pagamento. Ma che probabilmente verranno trasmessi anche in chiaro su Tv8, almeno la gara delle 21. Se così fosse, il 20 gennaio toccherebbe a Roma-Gent e il 27 febbraio a Inter-Ludogorets.

Approfondimenti