Chi è Andrea Martella

- Roma
il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Informazione e all'Editoria.

Dal 13 settembre 2019 è il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Informazione e all'Editoria. Dovrà risollevare un settore in piena crisi.

Andrea Martella dal 13 settembre 2019 è il nuovo Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Informazione e all’Editoria. È nato il 27 agosto del 1968 a Portogruaro in provincia di Venezia. È laureato in Lettere presso l’Università degli Studi di Venezia “Ca’ Foscari”. Ha fatto il suo ingresso alla Camera dei deputati per la prima volta nel 2001 e attualmente milita tra le fila del Partito Democratico dove è stato coordinatore della Segreteria nazionale. A lui Nicola Zingaretti ha affidato l’arduo compito di trovare la ricetta per guarire un settore in profonda crisi come quello dell’editoria. E dalle sue prime interviste si intuisce una certa distanza dalle posizioni del suo predecessore Vito Crimi, senatore del Movimento 5 Stelle. Nella sua agenda l’incentivo alla domanda di informazione di qualità. Ma anche un quadro normativo certo, stabile e funzionale, a partire dal digitale con il recepimento della nuova direttiva sul copyright.

Le sue prime dichiarazioni al momento dell’incarico: “L’informazione è un bene collettivo primario indispensabile per il funzionamento delle istituzioni”. “Servono scelte politiche capaci di avviare e consolidare un’inversione dei trend negativi che caratterizzano i principali fattori industriali e finanziari delle imprese editoriali. Il sistema editoriale ha bisogno di un quadro normativo certo, stabile e funzionale alle sfide della modernizzazione, a partire da quelle del digitale. Occorre un approccio integrato e sistemico che vada dall’editore fino all’edicolante”.

Approfondimenti