Cresce l’attesa per lo spider man afro-latino di Phil Lord e Chris Miller

- Roma
Miles Morales in Sony Pictures Animation's SPIDER-MAN: INTO THE SPIDER-VERSE.

Articolo di Ornella Petrucci - Sarà il film d’animazione di Natale.

Il conto alla rovescia per il nuovo film d’animazione su SpiderMan è cominciato. Il 14 dicembre negli Stati Uniti e a Natale (il 25 dicembre) in Italia arriva una versione dell’uomo ragno mai vista prima al cinema. “Spider-Man: un nuovo universo” (titolo originale “Spider-Man: Into The Spider-Verse”) racconta le vicende del teenager Miles Morales e le infinite possibilità di poter indossare la maschera del supereroe: una narrazione fresca ed efficace firmata da Phil Lord e Chris Miller, registi anche di “Piovono polpette” e “The Lego Movie”. Per i più l’alter ego di Spider-Man è Peter Parker, qui invece è un adolescente afro-latino con abilità misteriose. “Black” e “Mexican” lo ha descritto Phil Lord al Comic-Con di San Diego, sottolineando la potenza del personaggio.

Il Ragnoverso è una serie di fumetti con protagonista l’uomo ragno, scritto da Dan Slott e Christos Gage, disegnato da Olivier Coipel e Giuseppe Camuncoli, e edito dalla Marvel Comics. L’idea di base è l’unione di svariate versioni alternative dell’uomo ragno da altrettante dimensioni parallele per combattere la minaccia di Morlun, un vampiro psichico, e dei suoi fratelli. Il film d’animazione sulla carta e nel trailer sembra una vera sorpresa. Per gli amanti del personaggio dei fumetti creato dallo scrittore Stan Lee e dal disegnatore Steve Ditko nel 1962, e pubblicato dalla Marvel Comics per la prima volta sul nº15 della collana “Amazing Fantasy”, cresce l’attesa anche per “Spider-Man: Far from Home”, di Jon Watts, con protagonista Tom Holland (già visto in azione in “Avengers: Infinity War”, di Anthony e Joe Russo), la cui uscita è prevista per luglio 2019.

Approfondimenti