Da sindaco a governatore: Maurizio Mannoni tentato dalla politica

- Roma
Il giornalista Rai Maurizio Mannoni.

Il giornalista Rai potrebbe essere lo sfidante “giallorosso” di Giovanni Toti in Liguria nel prossimo autunno.

In principio sembrava solo un gioco, una bella dedica alla città che gli ha dato i natali 63 anni fa. “C’è una cosa che vorrei tanto fare per aiutare la mia Liguria – ha confessato Maurizio Mannoni a Tiziana Leone sul Secolo XIX – candidarmi come sindaco nella città dove sono nato, La Spezia, per strapparla alla destra. Diversi amici me l’hanno chiesto più volte. Forse è la volta buona per accettare la sfida”. Ma ora su La Repubblica il conduttore di “Linea Notte” ha alzato il tiro. “Sarei gratificato – ha risposto a Michela Bompiani – se qualcuno mi chiedesse di candidarmi per la Regione Liguria. Dopodiché, bisognerebbe valutare le condizioni”. Sarebbe disposto a lasciare il suo lavoro per la politica? “Sarebbe una cosa nuova, del resto non sarei il primo. Dopo aver passato tanto tempo da questa parte della barricata, come giornalista, ho grande curiosità di sapere in prima persona cosa c’è dall’altra parte”. Dal 1986 chiamato al Tg3 da Sandro Curzi, potrebbe essere dunque un giornalista Rai – con il cuore che batte a sinistra – il prossimo avversario di Toti. Un’idea che sembra sia stata accolta anche bene dalla coalizione. “Sarebbe un candidato autorevole per tutti”; “Attenzione su un nome di così grande rilievo”; “Un candidato di respiro nazionale che potrebbe superare le divisioni interne”; “Un’ipotesi decisamente interessante”: sono le reazioni nel fronte del centrosinistra, ma anche del M5S e di Italia Viva, a quest’intervista. Un buon viatico in vista dell’autunno.

Approfondimenti