Urbano Cairo chiedeva 18 milioni, l’assegno del cda in agenda per domani arriva a dieci milioni.

Auro Bulbarelli, il nuovo direttore di RaiSport (e grande appassionato di ciclismo) può festeggiare. La Rai – a quanto apprende LoSpecialista.tv – ha appena acquistato da Rcs Sport i diritti tv in chiaro del Giro d’Italia di ciclismo (e di altre gare importanti come la Milano-Sanremo o il Giro di Lombardia). Viale Mazzini ha pagato 25 milioni i diritti tv del biennio 2017-18. Il biennio 2015-16 era costato in totale 16 milioni. Per il 2019-20 Urbano Cairo chiedeva almeno 36 milioni, ma l’assegno che staccherà il consiglio d’amministrazione in agenda per giovedì 14 febbraio vale venti milioni di euro (dieci per ogni stagione). Ad agevolare la trattativa dei dirigenti di Viale Mazzini, l’assenza di concorrenza nella corsa ai diritti tv del ciclismo: Mediaset, che in passato ha trasmesso la corsa Rosa, è poco interessata a una gara di tre settimane in maggio e in orari pomeridiani poco strategici. Inoltre Discovery ha già i diritti pay del Giro d’Italia attraverso Eurosport. Sky, infine, ospita proprio Eurosport…