Disney+ dal 24 marzo in Italia, attacco a Netflix (e non solo)

- Roma
THE JUNGLE BOOK - (L-R) MOWGLI and GRAY. ©2015 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.

Prezzo competitivo (6.99 euro al mese) e library imponente. Anche la tv in chiaro avrà un contraccolpo…

Un’onda anomala sta per abbattersi sulle coste della televisione. Sia per l’audience della tv in chiaro, sia per gli abbonamenti di quella a pagamento. Il 24 marzo 2020, infatti, arriva in Italia (ma anche nel Regno Unito, in Irlanda, in Francia, in Germania, in Spagna, in Austria e in Svizzera) Disney+, l’offerta di contenuti streaming della casa di Topolino. E stamane, con una serie di cinguetti, l’account @DisneyPlusIT ha cominciato a fornire indicazioni agli utenti sull’offerta composta dai classici Disney, dai cartoni Pixar, dai super eroi Marvel, dalla saga Star Wars e ai documentari National Geographic. Il tutto a 6.99 euro al mese, 69.99 euro all’anno. Per chi non si accontenta, poi, l’opzione Eurosport e i programmi tv di Hulu. “Per tutti coloro che si registreranno al lancio – si legge – ci sarà un periodo di prova gratuito di 7 giorni. Contiamo di mostrarvi la maggior parte dei nostri contenuti in contemporanea con gli Stati Uniti (dove l’offerta è partita a novembre 2019, ndr). Tuttavia potranno esserci delle variazioni tra i cataloghi dei diversi Paesi. Il 24 marzo DisneyLife diventerà Disney+. Potrete creare fino a 7 profili con un solo abbonamento. E potrete accedere a 4 stream simultanei”. Il tutto, sembra di capire, con ben dieci device diversi.

UN CATALOGO SCONFINATO – Come dicevamo un’onda anomala, perché la library in arrivo è davvero imponente e di qualità. E il costo dell’abbonamento appare parecchio competitivo, soprattutto rispetto all’acerrimo nemico Netflix (15,99 euro al mese il servizio premium e 7,99 quello base). Ma anche Apple Tv+, Prime Video di Amazon, Dazn e Sky (che già lavora ad ospitare la nuova app della casa di Topolino) non possono certo dormire sonni tranquilli. In arrivo c’è un catalogo con 500 film e 7.500 puntate di serie tv e 30 nuove produzioni originali. I bambini e gli adolescenti sono il target d’ingaggio. Ma ce n’è per tutti i gusti…

Approfondimenti