Al via la seconda fase del concorso.

Andata e Ritorno (titolo originale Il Posto) di Gianluca Matarrese e Mattia Colombo; Confini (titolo originale Razman) di Riccardo Campagna e Federico Savonitto; I Sognatori (titolo originale Qui Sono I Miei Sogni) di Chiara Bazzoli e Chiara Cremaschi; L’ultimo Giorno (titolo originale About The End) di Cristina Picchi; La Lingua Salvata (titolo originale Vakhim e i Suoi Fratelli) di Francesca Pirani; Microfisica Del Paesaggio (titolo originale La Serra Morenica: Una Microfisica Del Paesaggio) di Ennio Eduardo Donato; Non È Roma (titolo originale Amor) di Virginia Eleuteri Serpieri; Punta Del Diavolo (titolo originale Il Domino, il Diamante e il Diavolo) di Chiara Caterina; Quel Profeta di Mio Zio (titolo originale Il Profeta di Assisi) di Giuman Giallo; Se Non Mi Odi, Non Mi Ami (titolo originale Il Carattere Distruttivo) di Giovanni Andrea Caruso: sono questi i 10 finalisti del Premio Solinas Documentario per il Cinema 2019, in collaborazione con Apollo11. La Giuria – composta da Marcantonio Borghese, Federica Di Giacomo, Ilaria Fraioli, Elio Mazzacane, Edoardo Morabito, Antonio Pezzuto, Cristina Piccino, Andrea Sanguigni, Giovanni Spagnoletti -, dopo aver esaminato i 65 progetti presentati in forma anonima, ha selezionato la rosa di candidati a cui vengono assegnate Borse di sviluppo per un ammontare complessivo di 4.000 euro da suddividere tra gli stessi finalisti che concorrono all’assegnazione del Premio Solinas Miglior Documentario per il Cinema di 6.000 euro. La dotazione del Premio e delle Borse di Sviluppo è messa a disposizione da Siae – Società Italiana degli Autori ed Editori. Gli Autori che accedono alla seconda fase del concorso presenteranno il progetto alla Giuria tramite Pitching. Al termine dei Pitch la Giuria assegnerà il Premio Solinas Miglior Documentario per il Cinema.

Approfondimenti