Sulla carta un 2019 esplosivo che a marzo vedrà su Rai1 la messa in onda delle quattro puntate de “Il nome della rosa”.

Il miglior avvio di stagione degli ultimi tre anni con una media share del 22,4% e di 5 milioni 100 mila spettatori: sul podio delle fiction Rai più viste in autunno ci sono “L’amica geniale” con una media di 6 milioni 900 mila spettatori e il 29,5% di share, “Nero a metà” con 6 milioni di spettatori e il 25,3% di share, e “La vita promessa” con 5 milioni 600 mila spettatori e il 25,2% di share. Nella top ten dell’autunno tutte fiction di Rai1, tranne “L’isola di Pietro 2” di Canale5 ad occupare il decimo posto. Seguono i brand di Rai2 “L’ispettore Coliandro” e “Rocco Schiavone”, rispettivamente all’undicesimo e al dodicesimo posto. Il nuovo anno è partito confermando la buona stella degli ascolti Rai con “La compagnia del cigno” (in onda fino al 4 febbraio), “L’amore, il sole e le altre stelle” (con Vanessa Incontrada, Ricky Memphis e Marco Bonini del ciclo “Purché finisca bene”) e “Che Dio ci aiuti 5” (in onda fino a giovedì 21 marzo): share in picchiata in particolare per suor Angela che giovedì 10 gennaio ha esordito con oltre 6 milioni di spettatori – 6 milioni e 100mila, per la precisione – e uno share del 26,5% (per questo titolo il miglior esordio di sempre). Tante le novità di gusto attese nel palinsesto Rai dopo l’evento sanremese.

A febbraio, dopo la finale all’Ariston, Rai1 è più forte che mai sul fronte fiction. Si comincia con il ritorno de “Il commissario Montalbano” (lunedì 11 “L’altro capo del filo” e lunedì 18 “Un diario del ‘43”, due episodi inediti entrambi per la regia di Alberto Sironi), e si prosegue con: “Io sono Mia” (martedì 12, con protagonista Serena Rossi nei panni di Mia Martini), “Il mondo sulle spalle” (martedì 19, che segna il ritorno di Beppe Fiorello in un tv movie che riprende la storia di resilienza di Enzo Muscia), “C’era una volta Vigata-La stagione della caccia” (lunedì 25, in cui Roan Johnson porta sul piccolo schermo nuovi personaggi a cavallo tra fantasia e realtà nati dalla penna di Andrea Camilleri, dopo il successo del giallo storico “La mossa del cavallo”; protagonisti Francesco Scianna, Donatella Finocchiaro e Miriam Dalmazio). Anche Rai2 riaccende nel secondo mese dell’anno la sua fiction di casa mandando in onda da mercoledì 13 la seconda serie de “La porta rossa 2” (un crime drama nato dalla penna di Carlo Lucarelli in cui la realtà si scontra con il soprannaturale; in onda fino al 20 marzo, nel cast ci sono l’amato Lino Guanciale, Gabriella Pession e Valentina Romani).

Marzo, infine, sarà esplosivo: in quattro puntate da lunedì 4 a lunedì 25 andrà in onda su Rai1 la serie evento “Il nome della rosa” dal romanzo di Umberto Eco che riprende vita per immagini dopo il kolossal con Sean Connery. Per la regia di Giacomo Battiato, protagonisti sono John Turturro (Guglielmo da Baskerville), Rupert Everett (il grande inquisitore), Damian Hardung (il novizio Adso da Melk) e Greta Scarano (la tentatrice, che per Canale5 a febbraio sarà un’insegnante in “Non Mentire” di Gianluca Maria Tavarelli). Un progetto che vede la Rai collaborare con il broadcaster Usa Amc e Palomar, una nuova produzione internazionale dopo i successi de “I Medici” e “L’amica geniale”. La fiction Rai, con i primi tre mesi dell’anno così forti sulla carta, come si dice, “è a metà dell’opera”…