Fiorello l’erede di Enzo Biagi? Meglio Milena Gabanelli

- Roma
foto da account Twitter @fiorello

Il 4 novembre l’esordio dopo il Tg1 di “Vivaraiplay”. L’Auditel si toglierà il cappello. Ma “Il Fatto in numeri” resta un’occasione sprecata.

Tullio Solenghi e Massimo Lopez con “Max e Tux”; Pierluigi Battista, Oscar Giannino e Riccardo Berti con “Batti e ribatti”; Clemente J. Mimun con “Dopo Tg1”; Giuliano Ferrara con “Qui radio Londra”. Sono stati innumerevoli in questi anni i tentativi dell’ammiraglia Rai di trovare l’erede di Enzo Biagi e del suo “Il Fatto”. A un certo punto si era pensato a Maria Giovanna Maglie con “Chiaro e tondo”. Ebbene, il prossimo esperimento, anche se sarà solo una “capatina”, lo farà @Fiorello. “Il 4 Novembre su @RaiUno alle 20:30 e in contemporanea su @RaiPlay. Dal 13 Novembre solo su @RaiPlay! #vivaraiplay !!!” annuncia lo showman in un “cinguettio”. Mentre l’ad Fabrizio Salini spiega meglio: “Dal 13 novembre Fiorello su RaiPlay darà vita al primo show live su multipiattaforma al mondo che verrà trasmesso per sei settimane, tre volte alla settimana. Intanto dal 4 novembre avrà una finestra dopo il Tg1 delle 20 oltre che in radio”. Se l’Auditel farà l’inchino sarà certamente un esperimento da ripetere, ma Lo Specialista resta convinto che il miglior erede di Biagi poteva essere Milena Gabanelli con il suo “Fatto in numeri”. Che occasione sprecata per il servizio pubblico.

Approfondimenti