Per Giuseppe Conte un ascolto da “paura”

- Roma
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Il coronavirus fa del premier il re Mida dell’Auditel. I canali televisivi toccati dalle sue conferenze stampa fanno il pieno di share.

Ormai le ammiraglie televisive l’hanno capito: in tempi di coronavirus, Giuseppe Conte è divenuto il re Mida dell’Auditel; e i canali televisivi toccati dalle sue conferenze stampa in diretta fanno tremare le lancette dello share. Un vero e proprio tocco magico, che trasforma una scrivania e un microfono in una partita della Nazionale di calcio o in una serata del festival di Sanremo. La presentazione di domenica scorsa della Fase 2 che avrà inizio dal 4 maggio, ad esempio, ha sfiorato addirittura i 24 milioni di telespettatori. Insomma, un ascolto da “paura”… Ne hanno beneficiato Rai1, Rainews24, Canale5, La7 e SkyTg24 che la conferenza l’hanno trasmessa in diretta. Come rilevato dallo Studio Frasi, tra le 20.30 e le 21, il premier ha registrato in totale un’audience di 23.393.634, e uno share del 72,63%. Il risultato migliore, naturalmente l’ha portato a casa il Tg1 delle 20 (terminato alle 20.55) che è stato seguito da 10.674.000 spettatori pari al 35.3% di share; il Tg5 è stato seguito da 6.744.000 con il 21,9% di share; mentre Enrico Mentana si è dovuto accontentare di 1.609.000 con share del 5.3%.

Approfondimenti