Il lockdown fa bene ai conti Netflix

- Roma

Positivo il primo trimestre 2020. Boom di abbonamenti a marzo che arrivano in totale a quota 183 milioni.

Produzione ferme negli studi (set ancora aperti solo in Islanda e Corea del Sud) e quindi stop agli investimenti; famiglie ferme nelle case in mezzo mondo e dunque davanti alla tv; e il successo planetario della Casa di carta. Tre indizi fanno una prova. E nel caso di Netflix la prova è schiacciante: gli effetti del lockdown giovano parecchio alla società guidata da Reed Hastings che (e questa è una notizia) chiude il primo trimestre 2020 in attivo: +162 milioni di dollari, rispetto al rosso di 460 milioni del primo trimestre 2019. I ricavi salgono a 5,77 miliardi di dollari (+27,6% rispetto al primo trimestre 2019), e gli abbonati mondiali si attestano a quota 183 milioni (+22,8%). E ben 15,8 milioni di nuovi abbonati sono arrivati fra gennaio e marzo.

Approfondimenti