In Rai ultimi fuochi prima delle vacanze

- Roma
L'amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini. Foto Ufficio stampa Rai.

Nominati i Vice di Rai1 e i Project leader. Ora si attende l’erede di Pinto a Napoli. Prossimi cda 25 Luglio e 1 Agosto (da confermare).

Ultime mosse al settimo piano prima delle meritate vacanze. Il prossimo cda Rai è previsto per il 25 luglio e in calendario ce n’è uno anche per il primo agosto (da confermare). Ma intanto l’ad Fabrizio Salini – che sta riflettendo, tra l’altro, sulle nomine a RaiCom e RaiPubblicità – ha deciso di cuocere nel suo personalissimo “forno” alcune “pagnotte” utili per sfamare i palinsesti autunnali. Innanzitutto l’ad ha dato l’atteso via libera ai nuovi vicedirettori di Rai1. Il direttore Teresa De Santis – che ha tenuto per sé le deleghe a fiction, palinsesti, cinema e marketing – ha scelto Milo Infante, Franco Di Mare e Maria Teresa Fiore, che affiancheranno i confermati Claudio Fasulo e Paola Sciommeri. Infante, nominato anche vicario, prende la delega a informazione e territorio. Di Mare mette le mani su approfondimento e inchieste. Fiore intrattenimento day time.

Ma non finisce qui. Salini ha nominato anche una serie di “project leader” propedeutici alla realizzazione del nuovo piano industriale 2019-21. In pratica ha aperto dei “cantieri”, e ogni nuovo progetto sarà gestito da un board strategico. A “Evoluzione offerta televisiva” sbarcano Marcello Ciannamea e Roberta Enni. Il project leader “Offerta radiofonica” è invece Roberto Sergio. “Evoluzione del ruolo della produzione televisiva” a Roberto Cecatto. Per la “Testata multipiattaforma” i project leader sono Pietro Gaffuri e – come anticipato da loSpecialista.tv – Diego Antonelli. E per il “modello multipiattaforma e Organizzazione per generi” Angelo Teodoli. Infine sono stati indicati Elena Capparelli per lo “sviluppo dell’offerta VOD per Rai Paly”, Stefano Ciccotti per “Evoluzione dell’assetto distributivo”, Felice Ventura per la “gestione e sviluppo delle Risorse Umane”, e Giuseppe Pasciucco per la “razionalizzazione dei costi”. A supportare i dirigenti indicati e coordinare tutte le iniziative sarà il Transformation Office affidato alle cure di Piero Gaffuri. Nelle prossime settimane verranno indicati i project leader di alcuni “progetti verticali” come sviluppo dei ricavi pubblicitari, valorizzazione del patrimonio immobiliare, incubatore di nuovi format, nuovo canale in lingua inglese e nuovo canale istituzionale.

E qualcosa si muove infine anche nel centro di Produzione di Napoli. Francesco Pinto, direttore uscente andrà in pensione dal 1 agosto e ha già saluto i dipendenti. Presto dunque il polo televisivo di Fuorigrotta, che occupa circa 400 addetti, avrà un nuovo responsabile. La scelta spetta all’ad Fabrizio Salini. Uno di nomi che circolano con insistenza per la successone è quello del suo (nei fatti) vice, Antonio Parlati (la continuazione della “dinastia”) insidiato da Adriano De Maio (incardinato a Rai1) e sponsorizzato in Viale Mazzini. In campo, guardando ai precedenti, ci sarebbe anche il caporedattore centrale del Tg Rai della Campania, Antonello Perillo. Altra possibilità è quella di un interim affidato a Cecatto.

Approfondimenti