La BBC taglia 250 giornalisti, la Rai ne assume 340

- Roma

Il servizio pubblico inglese ridurrà il costo del lavoro per 80 milioni di sterline e andrà a caccia dei giovani.

La BBC, storico servizio pubblico d’Oltremanica, annuncerà proprio oggi il taglio di centinaia di posti di lavoro. Lo riferisce un articolo a firma Matthew Moore che sul Times rivela: “Più di 250 posti saranno aboliti su BBC News”. Una scelta dolorosa dovuta alla necessità di “tagliare il costo del personale di circa 80 milioni di sterline”. E nel pezzo si spiega anche che “le risorse si concentreranno sulla trasmissione di notizie su piattaforme digitali, a spese dei programmi tradizionali in palinsesto, nel tentativo di raggiungere un pubblico giovane che è sottovalutato dalla BBC. In pratica la “Zietta” perde pubblico tra i giovani e soprattutto deve far fronte al fatto che le nuove generazioni si informano attraverso altri canali. Una storia che in Italia dovremmo leggere con molta attenzione. La Rai, infatti, conta oltre 1.700 giornalisti. E altri 340 saranno assunti nel 2020 al termine di due distinte selezioni. Oltre di 2.000 giornalisti, con un aumento a due cifre del costo del lavoro. Ma di riforma delle news a caccia di un pubblico giovane neanche l’ombra…

Approfondimenti