La Rai ha scelto Mr. Web: Diego Antonelli

- Roma

Sarebbe lui il capo progetto indicato dall’ad Fabrizio Salini per il nuovo portale dell’informazione.

Entro il 2021, così recita il nuovo piano industriale, la Rai avrà nuovo (e unico) portale dell’informazione: grafica innovativa, nuova impaginazione, declinazione social e sfruttamento di “brand ambassador”. Un portale che sarà alimentato (soprattutto con video) da una testata multipiattaforma che dovrà integrare Rainews24, Rainews.it, Televideo, Tgr e – in un secondo step – anche Giornale Radio, RaiSport e Rai Parlamento. Il nuovo portale fornirà una vetrina (con appositi link) al Tg1, al Tg2, al Tg3, alla Tgr a Rai Parlamento e a RaiSport. E sarà alimentato da una newsroom unica nella quale – almeno all’inizio – confluiranno solo quei giornalisti Rai che già si occupano di web nelle testate e molti di quelli che – giovani, rampanti e digital – arriveranno dal nuovo concorso. E il capo progetto di questo cantiere digitale, a quanto apprende loSpecialista.tv, sarebbe stato individuato. Si chiama Diego Antonelli, ex caporedattore centrale dell’Ansa, dal giugno 2016 in Rai alla direzione Editoriale per l’Offerta Informativa dove è responsabile proprio di web. Sembra sarà affiancato da un gruppo di lavoro del quale faranno parte Tgr, RaiSport e RaiNews24. E la parola d’ordine, per rilanciare l’informazione Rai sul web, sarà innanzitutto declinare le news sui “social”.

Nel nome del portale – è l’unica cosa che l’ad Fabrizio Salini ha garantito in cda – sarà in bella evidenzia il brand Rai (RaiWeb24, RaiTg24, RaiAllNews24, o cose simili). Chi sarà invece un domani il superdirettore di questa nuova testata è davvero un mistero. La chimera era ingaggiare Milena Gabanelli. A quanto apprende loSpecialista.tv la giornalista non ha avuto contatti diretti col presidente Rai Marcello Foa. Un abboccamento con Salini, invece, ci sarebbe stato. Ma l’ipotesi appare tramontata. Un superdirettore che avrà tre vicedirettori con rispettive deleghe: area tv, coordinamento sedi regionali e area digital. Una Rai a tutto web…

Approfondimenti