Luca Argentero si fa in tre come eroe dello sport in scena

- Roma

L’attore apre l’Ostia Antica Festival con lo spettacolo “È questa la vita che sognavo da bambino?” per la regia di Edoardo Leo.

Luisin Malabrocca, “l’inventore” della Maglia Nera al Giro d’Italia; Walter Bonatti, l’alpinista che scoprì a sue spese che la minaccia più grande per l’uomo è se stesso; Alberto Tomba, lo sciatore che ha radunato intorno alle sue gare tutta la nazione: tre storie completamente diverse l’una dall’altra, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica, essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi. Sono loro ad essere al centro di “È questa la vita che sognavo da bambino?”, lo spettacolo interpretato e scritto da Luca Argentero, assieme a Gianni Corsi ed Edoardo Leo, che firma anche la regia. A questo testo sportivo sul mito dell’eroe moderno è affidata l’apertura della quarta edizione di Ostia Antica Festival (Il Mito e il Sogno). Appuntamento al Teatro Romano di Ostia Antica sabato 22 giugno (ore 21).

Approfondimenti