New Look per le relazioni istituzionali della Rai

- Roma

Il direttore Stefano Luppi affida a Lorenzo Ottolenghi l’arduo compito dei rapporti con governo e Parlamento.

Il 2 agosto scorso, in piena estate – e alla vigilia della crisi di governo aperta da Matteo Salvini – la Rai aveva evidentemente già intuito che l’aspettava un autunno caldo e che bisognava attrezzarsi per tenere al meglio le relazioni con i Palazzi. Detto fatto, e al settimo piano hanno sfornato un bell’ordine di servizio con il quale è stata ridisegnata la struttura delle relazioni istituzionali. A dirigerla – dal maggio del 2019 – Stefano Luppi. Dipendente Rai dal 1990, dirigente dal 1999, parla per conto di Viale Mazzini con le diverse istituzioni da oltre dieci anni. Proprio per questo – conoscendo la difficoltà del mansionario – è assai probabile che abbia deciso di spacchettare la sua direzione schierando una nuova “squadra”.

Vicedirettore alle relazioni istituzionali, con delega ai rapporti con Parlamento e governo, è stato nominato il giornalista Lorenzo Ottolenghi. Un passato in azienda da portavoce del presidente Lucia Annunziata, del dg Claudio Cappon e del presidente Paolo Garimberti. Quindi una parentesi alla vicedirezione di Rainews24, con delega al web, prima che Monica Maggioni lo richiamasse come capo del proprio staff presidenziale. Insomma, uno che la “tecnica” del settimo piano la conosce assai bene, ma che si districa con astuzia anche nella “tattica” della politica. Toccherà a lui l’arduo compito di gestire i rapporti col governo giallorosso e tenere a bada le intemperanze (e le interferenze) della litigiosa commissione di Vigilanza sulla Rai.

L’altra grana, quella di tenere i “rapporti con le Authority e con le altre istituzioni”, anche locali, toccherà al confermato Armando Melchionna che aspetta di sapere, ad esempio, se sarà davvero Antonello Giacomelli il nuovo presidente dell’Agcom. Responsabile della struttura “contratto di servizio e attività correlate” sarà invece la new entry Donatella Pace, avvocato esperto di questioni giuridiche con un passato prima all’Ufficio legale Rai e poi alle Risorse televisive. Roberto Natale infine – nominato a giugno 2019 – si occuperà della “responsabilità sociale”. In pratica l’ex Segretario Usigrai e presidente della Fnsi, nonché ex portavoce dell’ex presidente della Camera, Laura Boldrini, gestirà il traffico del mondo dell’associazionismo italiano che chiedono accesso ai canali del servizio pubblico per raccogliere fondi, e farsi conoscere tramite spot e campagne di sensibilizzazione. La “squadra” di Luppi è pronta. Ma l’avversario è assai temibile e imprevedibile…