Teresa De Santis durante la conferenza finale del 69esimo festival di Sanremo

L’ad Fabrizio Salini l’ha convocata nel suo studio con Marcello Ciannamea. Toni accesi e una dura reprimenda. E si continua a trattare sui palinsesti estivi “inadeguati”...

Si è parlato di Fabio Fazio (e non solo) lunedì pomeriggio al settimo piano di Viale Mazzini. In mattinata l’ad Fabrizio Salini ha chiesto una relazione al direttore di Rai1, Teresa De Santis, e al direttore del Coordinamento editoriale palinsesti, Marcello Ciannamea sull’improvvisa cancellazione delle ultime tre puntate del programma “Che Fuori Tempo Che Fa”, in onda il lunedì in seconda serata su Rai1. Ma prima ancora delle spiegazioni per iscritto, giunte poi in tarda serata, nello studio di Salini si è consumato un faccia a faccia con la De Santis e Ciannamea.

In realtà Salini sapeva che il programma di Fazio non sarebbe andato in onda il 20 maggio per dar spazio a “Porta a Porta” per un riequilibrio della par condicio. E gli avevano prospettato anche che sarebbe saltata la puntata del 3 giugno. Ignorava invece che si era deciso di cancellare anche la puntata post elettorale del 27 maggio. In sostanza ha appreso dalla tv (come i telespettatori) che fosse l’ultimo lunedì di Fazio. E magari avrebbe voluto gestire la cosa – anche a livello di comunicazione – in maniera un pochino diversa.

Ad infastidire l’ad, naturalmente, il clamore mediatico. Soprattutto in un momento in cui – a quanto apprende loSpecialista.tv – da settimane sta trattando con l’agente di Fazio, Beppe Caschetto, per trovare un accordo per una riduzione del compenso (sempre al centro delle attenzioni di Matteo Salvini) e probabilmente anche per un trasloco del programma su Rai2. Ma l’ad sta parlando non solo con Fazio, ma anche con altri artisti, per una razionalizzazione dei compensi: si vocifera di una riduzione dal 10 al 20%. È in agenda un confronto anche con lo stesso Fazio nei prossimi giorni. E la mossa della De Santis, naturalmente, ha complicato un pochino le trattative.

Ma le divergenze tra Salini e la De Santis non riguardano solo il “caso Fazio”. Salini ritiene i palinsesti estivi del day time di Rai1 “inadeguati”. La conferenza stampa di mercoledì in Viale Mazzini per la presentazione del “Day time estivo di Rai1” slitta a venerdì 7 giugno. E il dialogo con Salini su cosa presenteranno nella Sala degli Arazzi è in corso. Salini avrebbe chiesto maggiore creatività e innovazione, e soprattutto un racconto più legato alle direttive date nel piano editoriale. E qualche perplessità c’è naturalmente anche sui nomi in ballo (a partire da quelli esterni). A proposito, per la nomina dei vicedirettori di rete di Rai1 la De Santis dovrà aspettare ancora un po’… Nell’infornata di mercoledì sulle nomine alla corporate non ce n’è traccia.

Approfondimenti