“Perfetti sconosciuti” entra nei guinness dei primati per il maggior numero di remake

- Roma

Il regista Paolo Genovese potrebbe dirigere la versione statunitense.

“Nils Hartmann non me ne voglia, Sky è già passata, ora ci sono Netflix e Amazon”, così il cineasta Paolo Genovese ospite della rassegna “Il Caravaggio incontri”, promossa dal Cinema Caravaggio di Roma con Indigo Film, davanti ai propri fan con cui ha brindato alla prossima entrata nei guinness dei primati: “Perfetti sconosciuti” a giugno sarà il film in assoluto di cui si sono fatti più remake, arrivando a quota 18. Il regista da un lato confessa che ha piacere di vedere sul grande schermo le nuove forme che assume la sua storia, dall’altro ha visto sette remake di “Perfetti sconosciuti” e li trova “detestabili”. Ora però del film se n’è innamorata Charlize Theron che sembra voglia esclusivamente Paolo Genovese alla regia del remake statunitense. Inizierà una nuova avventura americana per “Perfetti Sconosciuti” che già ha trionfato al Tribeca Film Festival di Robert De Niro nella sezione International Narrative Competition per la migliore sceneggiatura? Intanto, la commedia con Giuseppe Battiston, Anna Foglietta, Edoardo Leo, Marco Giallini, Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher e Kasia Smutniak, ha fatto quasi il giro del mondo, essendo stata venduta in 85 paesi; e Paolo Genovese è alla scrittura per un nuovo film sulla “coppia”, smarcandosi però dal telefonino, l’oggetto “ingombrante” delle nostre vite, punto centrale di “Perfetti sconosciuti”.

Approfondimenti