“Pop e imprevedibile”, ecco il Sanremo di Amadeus

- Roma

Dieci donne diverse sul palco, 22 canzoni in gara, ospiti internazionale e poi le scorribande di Fiorello, Benigni e Jovanotti.

La settantesima edizione del Festival di Sanremo (dal 4 all’8 febbraio su Rai1) sarà “imprevedibile e pop”. Amadeus, conduttore e direttore artistico della kermesse, ne parla stamane con Renato Franco sul Corriere della Sera. Carte coperte naturalmente, ma qualche conferma arriva. Partiamo dell’imprevedibile: aggettivo che piace all’Auditel e affidato alle cure di Roberto Benigni (“non voglio sapere cosa farà”), di Fiorello, e della sua edicola, (“gli consegno la copia delle chiavi dell’Ariston e lui potrà entrare e uscire dal palco quando vuole”), di Tiziano Ferro (“è speciale come persona, non solo come artista”), e di Jovanotti (“anche con lui ci conosciamo da una vita…”). Un parterre di prim’ordine per un festival che saprà stupire. Anche lo stesso Amadeus che ogni sera – a proposito d’imprevedibilità – sarà affiancato da due donne diverse. “Pescherò – ha spiegato – personaggi dal varietà, dal giornalismo dal gossip; un panorama completo di donne di vari mondi e ambienti differenti in modo che il pubblico a casa abbia qualcosa di diverso dalla sera precedente. Penso a un Sanremo numero 70 all’insegna della donna”.

I nomi? Amadeus non ne fa. Ma si parla con insistenza di Georgina Rodriguez (accompagnata da Cristiano Ronaldo), Diletta Leotta, Laura Chimenti ed Emma D’Aquino (due giornaliste del Tg1). E poi Simona Ventura, Antonella Clerici, Vanessa Incontrada. E il sogno Monica Bellucci. Tra gli ospiti internazionali ci sarà Lewis Capaldi, tra gli italiani anche Zucchero si è proposto per il Festival… “Magari!”. Le canzoni in gara, infine, saranno 22: “Cerco canzoni che siano pop, che il giorno dopo possano essere trasmesse su tutte le radio o cercate su Spotify”. Ne sono arrivate 200…

Approfondimenti