Il senatore M5S Primo Di Nicola. Foto dal profilo Twitter.

Presentata una risoluzione in commissione di Vigilanza per chiedere di fare passo indietro da Rai Com. Ma non tutti i grillini l’avrebbero firmata...

Chi pensava – e loSpecialista.tv era tra questi – che il voto delle Europee e i nuovi rapporti di forza in seno all’esecutivo avrebbe sconsigliato uno sgambetto dei 5 Stelle al presidente Rai (in quota Lega) Marcello Foa, forse si sbagliava. Lunedì sera, infatti, i grillini – capeggiati dal senatore Primo Di Nicola – hanno depositato a San Macuto una risoluzione che in sostanza, come quella già presentata dal Partito Democratico, chiede a Foa di lasciare la presidenza di Rai Com o in alternativa al cda Rai di rimuoverlo dall’incarico. I motivi sono simili a quelli addotti dal Pd. Il potenziale conflitto d’interessi e l’incompatibilità con le deleghe nel braccio commerciale dell’Azienda. Se volevano fare in fretta, insomma, i 5 Stelle potevano votare la risoluzione del Pd. Ora, invece, il sospetto è che qualcuno abbia voluto solo buttare la palla in tribuna per non innervosire Matteo Salvini, resta.

Oggi di tutto questo si sarebbe dovuto parlare a San Macuto, approfittando anche dell’audizione dell’ad Rai, Fabrizio Salini. Presto l’argomento tornerà all’ordine del giorno della Vigilanza, ma prima ancora l’ufficio di presidenza dovrà decidere se unire le due risoluzione (magari chiedendo a un terzo relatore di stendere il testo) o se procedere – dopo l’illustrazione e gli eventuali emendamenti – con votazioni distinte. Resta il fatto che formalmente i 5 Stelle non mollano la presa su Foa. Almeno non tutti. Sembra che alcuni commissari la risoluzione di lunedì sera non l’abbiano firmata… Ps Oggi Di Nicola si è dimesso da vicepresidente del gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle al Senato. Oltre ai voti non ci vuole rimettere anche la faccia. Se lo “sgambetto” a Foa dovesse fallire, si dimetterà anche dalla vicepresidenza della Vigilanza Rai?

Approfondimenti