L'amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini. Foto Ufficio stampa Rai.

Il cda approva le linee guida per assunzioni di nuovi giornalisti. Via libera anche al bilancio e al “contrattone” Ansa. Prossima settimana (forse) blitz di Salini alla corporate.

L’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, nel cda di oggi non ha comunicato le nomine alla corporate. Dell’argomento – a quanto apprende loSpecialista.tv – non si è parlato nella Sala Orsello, ma la “partita” è quasi chiusa e al settimo piano non si esclude che l’ad – per evitare speculazioni politiche – non aspetti il prossimo cda del 30 maggio e proceda già la prossima settimana. In ballo, inoltre, anche le nomine dei vicedirettori di Rai1 e RaiNews24. Il cda ha approvato il bilancio 2018 (in pareggio), ha firmato un assegno da 11 milioni per un accordo pluriennale con l’agenzia Ansa, ha raccomandato – per bocca dei consiglieri Rita Borioni e Riccardo Laganà – l’utilizzo di giornalisti e conduttori interni per le rubriche estive e poi si è occupato anche di assunzioni di nuovi giornalisti.

In particolare, anche alla luce delle diffide giunte in questi giorni, il consiglio ha stabilito di muoversi con molta cautela approvando alcune linee guida. Per l’assunzione di nuovi giornalisti si procederà su un doppio binario. Da una parte attingendo dalla scuola di Perugia dove ci sono 69 allievi in attesa; e dall’altra pescando nella platea dei precari dove alla finestra ci sono oltre 250 giornalisti assunti con contratti atipici. Il tutto, però, senza “infornate”: con calma e motivando di volta in volta le assunzioni con l’urgenza del servizio pubblico di coprire carenze di personale. E naturalmente – questo è l’auspicio – nel rispetto delle procedure di legge e quindi, ove necessario, anche chiedendo l’ok dell’Anac di Raffaele Cantone. Per quanto riguarda gli “idonei” del concorso 2015 alcuni consiglieri hanno sollecitato Salini a sciogliere la riserva e quantomeno a dare una risposta agli innumerevoli appelli. Bontà sua…

Approfondimenti