Sangiuliano dice no alla politica: “Mio lavoro è il giornalismo”

- Roma
Matteo Salvini al fianco del direttore del Tg2, Gennaro Sangiuliano.

Il direttore del Tg2 smentisce l’indiscrezione che lo voleva come prossimo candidato a Governatore della Campania in quota centrodestra.

Gianluigi Paragone, Emilio Carelli, Primo Di Nicola, Pino Cabras, Tommaso Cerno, David Sassoli, Andrea Cangini, Gigi Casciello, Giorgio Mule e Giovanni Toti. Sono solo alcuni dei giornalisti – c’è anche Matteo Salvini – che hanno scelto di intraprendere la carriera politica. Ebbene, tra questi non ci sarà il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano. “Per le regionali del prossimo anno in Campania il centrodestra sta per mettere in campo il direttore del Tg2, Gennaro Sangiuliano”, ha scritto sabato su Italia Oggi Carlo Valentini. “È il candidato su cui tutti i tre partiti della coalizione sono disposti a convergere, quindi niente risse come accadrebbe con altri nomi più caratterizzati su questo o quel partito”. E ancora: “Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi hanno tirato fuori dal capello il nome di Sangiuliano. Tra l’altro il governo si sta apprestando a mettere mano alle nomine in Rai e quindi presto anche la poltrona del Tg2 spetterà a qualcuno dell’area giallorossa. Per Sangiuliano quindi la proposta di correre alle regionali è una ciliegina sulla torta”.

Ma evidentemente a Sangiuliano non piace né la torta e neanche la ciliegina. “Leggo su alcuni quotidiani di una mia candidatura alla Presidenza della Regione Campania, smentisco clamorosamente, in termini netti e decisi — ha affermato il direttore del Tg2 attraverso la sua segreteria -. Detto questo rispetto le istituzioni democratiche e chiunque voglia impegnarsi per il bene della collettività. Ma il mio lavoro è il giornalismo e la saggistica e questo voglio continuare a fare con il massimo impegno”. Chissà se la prossima tornata di nomine Rai prevista per novembre riguarderà anche lui…

Approfondimenti