“Temptation Island” parte col botto in share, ma non in audience

- Roma

L’anno scorso convinse qualche telespettatore in più.

“Temptation Island” si conferma un format vincente per Canale5. Andato in onda in prima serata lunedì 24 giugno, ha esordito con 3.546.000 telespettatori e il 22,25% di share, toccando picchi del 32% di share e 4.400.000 di telespettatori. In più, ha realizzato numeri record tra i giovanissimi: oltre il 40% di share sul target 15-34 anni. Un successo la cui eco si è riversata sui social con 804.000 interazioni complessive (su Facebook, Twitter e Instagram): l’hashtag ufficiale #TemptationIsland ha dominato i Trending Topic Italia e Mondo. Un risultato buono, ma non il migliore di sempre: è in linea con quello dell’anno scorso con anzi qualche migliaia in meno sul fronte audience. Il 9 luglio dell’anno scorso, infatti, il programma ottenne alla prima puntata della quinta stagione 3.751.000 telespettatori e il 21,24% di share, toccando precisamente alle 21.54, il picco del 35% di share, con 4.337.000 telespettatori sintonizzati sulla rete Mediaset (fra il pubblico giovane, nella fascia di età fra i 15 e i 24 anni lo share è stato del 41,28%, mentre in quella dai 15 ai 19 anni del 40%).

Nonostante ciò – e tenendo conto che in molti ieri hanno assistito al match “biscotto” degli Europei Under 21 Francia-Romania su Rai2 (2 milioni e 412mila appassionati di calcio, pari ad uno share dell’11,6%) -, il programma si conferma un cult. Giustamente Giancarlo Scheri, direttore di Canale5, commenta: “Il risultato di ieri dimostra solo una cosa: agli italiani ‘Temptation Island’ è mancato tantissimo e non vedevano l’ora che tornasse in onda. È uno dei fenomeni televisivi più clamorosi e trasversali degli ultimi anni, capace di infrangere lo schermo della tv e ottenere numeri record anche sul web e sui social. Un successo frutto di un meticoloso lavoro che non lascia spazio alla minima imperfezione. Complimenti e grazie a Filippo Bisciglia, alla produzione Fascino e a tutto il team di lavoro artistico e produttivo”.