@vditrapani: un paio di domande sul caso Jebreal

- Roma
Foto dal profilo Twitter @rulajebreal

La giornalista salirà sul palco di Sanremo. Ma la sua intervista a la Repubblica lascia comunque qualche interrogativo.

La giornalista Rula Jebreal salirà sul palco di Sanremo. E con ogni probabilità farà un monologo sulla violenza contro le donne. Dopo alcuni giorni di polemiche e strani rimpalli di responsabilità, è arrivato il via libera dell’ad Rai, Fabrizio Salini, che stamane ha incontrato il direttore di Rai1 Teresa De Santis e il conduttore e direttore artistico di Sanremo Amadeus. Ma le dichiarazioni della Jebreal a la Repubblica (“Sabato scorso mi hanno telefonato pregandomi di fare io il passo, di rinunciare spontaneamente. Mi sono rifiutata. Gli ho mandato un messaggio scritto: se volete censurarmi dovete essere voi ad assumervene la responsabilità. In Rai c’è un brutto clima…”) lasciano spazio a molti interrogativi. “Alle parole intrise di stereotipi, sessismo e razzismo era giusto rispondere confermando l’invito a @rulajebreal”, scrive su Twitter @vditrapani, segretario dell’@usigrai. “Restano però le due domande: chi ha telefonato chiedendole di rinunciare? E su mandato di chi?”

Approfondimenti