Aggiornamenti in tempo reale: indagine sui documenti declassificati di Mar-A-Larco di Trump

L’udienza di due ore del giudice Eileen Cannon lunedì mattina nel procedimento penale di Donald Trump su documenti riservati ha letto da vicino il passato dei procuratori speciali e i loro finanziamenti nell’ultimo tentativo della squadra di Trump di ribaltare il caso contro di lui.

Ecco le cose fondamentali da sapere:

Domande difficili per la magistratura: Cannon ha spinto l’avvocato del Dipartimento di Giustizia James Pearce a spiegare quanti soldi il dipartimento ha speso per i casi penali di Trump, anche se il giudice è stato attento a non suggerire che le sue domande fossero inclinate in un modo o nell’altro.

Anche se l’ufficio rende pubbliche le proprie spese ogni sei mesi, il giudice ha osservato che la divulgazione finanziaria è stata ritardata fino allo scorso autunno di marzo.

Ha anche cercato la guida degli avvocati per interpretare le leggi e i regolamenti che avevano governato i precedenti procuratori speciali, facendo a un certo punto risalire all’era del Watergate e di Janet Reno come procuratore generale.

Le domande di Cannon erano rivolte a Pierce, e ad un certo punto l’avvocato notò come altri tribunali fossero stati ribaltati dall’indagine di Cannon sulla convalida dell’attività del governo. Smith è una prospettiva seria.

Il Congresso dovrebbe essere maggiormente coinvolto? Trump mira anche a riportare il Congresso al dibattito. L’avvocato di Trump, Emil Bowe, ha sostenuto durante l’udienza di lunedì che Cannon deve insistere sulla supervisione del Congresso dell’ufficio del procuratore speciale o concludere che il modo in cui l’ufficio è finanziato è illegale. t approvato.

L’argomentazione è in linea con altre argomentazioni avanzate dal team di Trump al giudice nei giorni scorsi, sostenendo che Smith è troppo indipendente dalla leadership giudiziaria. E i documenti di supervisione del Congresso limiterebbero quelle che lui chiamava “cose ​​straordinarie” nel caso, ha detto Bowe al giudice.

Gli avvocati del Dipartimento di Giustizia hanno risposto in tribunale affermando che il procuratore speciale agisce in conformità con le politiche stabilite nel corso di decenni e amministrazioni, e che il Dipartimento di Giustizia è impegnato a continuare a finanziare il caso contro Trump sotto l’autorizzazione del procuratore generale. I repubblicani a Capitol Hill hanno cercato di limitare l’uso da parte del Dipartimento di Giustizia dell’Office of Special Counsel e dei suoi finanziamenti.

Ritardo, ritardo, ritardo: Mentre il caso continua, gli avvocati di Trump hanno sfruttato ogni opportunità nelle ultime settimane per chiedere più udienze e supervisione, come hanno suggerito a Cannon in un’udienza venerdì e di nuovo lunedì mattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *