Alex Jones ha ordinato la vendita della proprietà per pagare il debito di Sandy Hook

didascalia dell’immagine, Alex Jones deve 1,5 miliardi di dollari alle famiglie delle persone uccise alla scuola elementare Sandy Hook nel 2012.

  • autore, Mike Wendling
  • azione, notizie della BBC

Un giudice ha ordinato la liquidazione dei beni personali del conduttore di InfoWars, Alex Jones, aprendo la strada a un potenziale risarcimento alle famiglie delle vittime della sparatoria di massa di Sandy Hook del 2012.

Tuttavia, il giudice fallimentare statunitense Christopher Lopez si è pronunciato contro la liquidazione della società del signor Jones, Free Speech Systems, proprietaria del marchio Infowars.

I parenti delle vittime hanno vinto sentenze per diffamazione per un totale di 1,5 miliardi di dollari (1,2 miliardi di sterline) contro Jones e la sua azienda per false notizie sull’attacco.

Secondo recenti documenti giudiziari, il signor Jones possiede circa 8,6 milioni di dollari in beni personali.

La sentenza di venerdì a Houston, in Texas, significa che per ora i sistemi di libertà di parola e Infowars continueranno a funzionare.

Secondo i documenti del tribunale, Free Speech Systems impiega 44 persone e ha generato entrate per quasi 3,2 milioni di dollari nell’ultimo mese, principalmente attraverso la vendita di cibo e altri prodotti.

Le famiglie delle vittime erano divise sulla questione se abbandonare la bancarotta aziendale o passare alla procedura di liquidazione.

La decisione non elimina la responsabilità delle organizzazioni per la libertà di parola e i querelanti nei casi di diffamazione possono perseguire i danni loro dovuti nei tribunali statali o attraverso ulteriori procedure fallimentari.

“Non esiste una risposta facile o giusta qui”, ha detto il giudice Lopez, che a volte si è emozionato profondamente mentre pronunciava la sua decisione. “Penso che i creditori stiano facendo un lavoro migliore nel rispettare i loro diritti nei tribunali statali.”

Un avvocato della famiglia ha affermato che verranno presi provvedimenti rapidi per riscuotere il risarcimento.

“La corte ci ha autorizzato a riscuotere immediatamente tutti i beni di Infowars, e intendiamo fare proprio questo,” ha detto Christopher Matte in una dichiarazione venerdì. “Alex Jones non è stato né un martire né una vittima. È stato il peggior diffamatore della storia americana”.

In seguito all’attacco del dicembre 2012 alla scuola elementare Sandy Hook di Newtown, nel Connecticut, il signor Jones e i suoi ospiti in onda si sono ripetutamente chiesti se i massacri fossero reali, lanciando teorie cospirative sul fatto che gli omicidi fossero simulati o eseguiti da agenti governativi.

Nell’attacco sono rimasti uccisi venti bambini e sei dipendenti della scuola.

A un certo punto Jones definì l’attacco “una bufala colossale”, e nel 2015 disse: “Sandy Hook era un cast artificiale, completamente fasullo, a mio avviso, prodotto… Sapevo che avevano degli attori lì, ma sapevo che sono stati uccisi. Ho pensato. Alcuni dei ragazzi veri dimostrano quanto siano coraggiosi e hanno chiaramente usato attori.

Il signor Jones ha ammesso gli omicidi di Sandy Hook.

Dopo la trasmissione, le famiglie colpite sono state molestate online e di persona dagli spettatori di Infoverse. Le famiglie hanno intentato cause per diffamazione nel Connecticut e in Texas, e le loro vittorie legali hanno costretto il signor Jones e la Pre-Speech Systems a dichiarare bancarotta.

L’udienza di venerdì riguardava la possibilità di convertire i casi di fallimento dal Capitolo 11 al Capitolo 7, la parte del codice fallimentare statunitense che consente liquidazioni semplici piuttosto che ristrutturazioni finanziarie più complesse.

Nelle recenti trasmissioni e sui suoi account sui social media, Jones ha continuato a inveire contro il sistema giudiziario statunitense e ad affermare che esiste una cospirazione del governo per metterlo a tacere.

Ha ripetutamente avvertito che sarà tolto dalle onde radio, anche se le leggi statunitensi sulla libertà di parola impongono che anche se la sua compagnia si scioglie, sarà libero di fondarne una nuova e continuare a trasmettere.

“Abbiamo schivato un proiettile e lodato Gesù”, ha detto Jones in una trasmissione su Infowars dopo il processo. “Se il giudice non avesse fatto la cosa giusta oggi sarei andato in onda. Viviamo per combattere un altro giorno.

Durante il processo, gli avvocati delle famiglie hanno affermato che il teorico della cospirazione stava cercando di svalutare la sua azienda, ad esempio convincendo gli ascoltatori ad acquistare prodotti da un’azienda di proprietà di suo padre, piuttosto che direttamente da Infowars.

Ma gli avvocati di Jones hanno sostenuto nelle ultime settimane che la società ha registrato vendite record.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *