Alex Jones, verdetti di diffamazione di Sandy Hook, il giudice consente la liquidazione dei beni per pagare i debiti

Venerdì un giudice federale specializzato in bancarotta ha accolto la richiesta del teorico della cospirazione Alex Jones di trasformare una dichiarazione di fallimento in una liquidazione dei suoi beni personali per pagare ingenti sentenze di diffamazione alle famiglie delle vittime della sparatoria alla scuola elementare di Sandy Hook.

Ma il giudice ha respinto un caso di fallimento della società di media di Jones, Free Speech Systems, mettendo in dubbio il futuro del suo programma su InfoWars, ma permettendogli di continuare a trasmettere.

Jones ha fondato InfoWars nel 1999, operando sotto le Free Speech Organizations.

“Non mi è mai stato chiesto oggi di decidere se terminare o meno un programma. Oggi non accadrà in un modo o nell’altro”, ha affermato nella sua sentenza il giudice fallimentare Christopher Lopez del distretto meridionale del Texas. “Questo caso è uno dei più difficili che abbia mai incontrato. Se lo guardi, penso che i debitori stiano facendo un ottimo lavoro nel perseguire i loro diritti nei tribunali statali.”

Lopez ha affermato che archiviare il caso di fallimento della società è nel migliore interesse dei creditori e dell’eredità.

Le famiglie che hanno fatto causa a Jones hanno vinto cause in Connecticut e Texas e hanno ricevuto un risarcimento complessivo di 1,5 miliardi di dollari, sostenendo che aveva diffamato e causato loro disagio emotivo suggerendo ripetutamente nel suo programma che il massacro di Sandy Hook era una bufala. Il 14 dicembre 2012, un uomo armato ha ucciso 20 alunni della prima elementare e 6 adulti in una scuola di Newtown, nel Connecticut.

Ma le famiglie che hanno intentato causa in Connecticut e quelle in Texas si sono scontrate in tribunale venerdì sulla questione se le dichiarazioni di fallimento separate del Capitolo 11 delle organizzazioni per la libertà di parola dovessero essere convertite in liquidazione del Capitolo 7; Le famiglie del Connecticut erano favorevoli allo scioglimento, mentre le famiglie del Texas volevano che il caso di fallimento fosse archiviato.

Un avvocato delle famiglie del Texas ha sostenuto che liquidare la società sarebbe un processo lungo per tutti i querelanti per ricevere il denaro dovuto in sentenze di diffamazione, mentre un avvocato delle famiglie del Connecticut ha affermato che la società sarebbe stata liquidata in caso di fallimento. La causa porterà tutte le famiglie a combattere tra loro per denaro nei rispettivi tribunali statali. Jones voleva anche archiviare il caso di fallimento della società.

“Non c’è una risposta facile o giusta qui”, ha detto Lopez, sembrando lottare con la sua decisione.

Alex Jones durante una manifestazione ad Austin, in Texas, il 25 aprile 2020. File di Gary Miller/Getty Images

Lopez ha detto che nominerà un fiduciario ad interim per guidare il processo di spostamento della bancarotta personale di Jones ai sensi del Capitolo 11 alla liquidazione del Capitolo 7, che consente al fiduciario di supervisionare e vendere i beni di Jones. L’avvocato di Jones, Vicki Driver, lo ha detto a Lopez. I 2,8 milioni di dollari di Jones sono soldi che potrebbero andare al fiduciario sotto forma di vendita di un ranch in Texas.

Prima dell’udienza di venerdì, le famiglie delle vittime della sparatoria alla scuola elementare Sandy Hook hanno esortato Lopez a nominare un fiduciario permanente per “proteggere i beni e prevenire un’ulteriore distruzione di valore”. Sentenze per diffamazione.

Le famiglie nella documentazione hanno accusato Jones di “comportamento irregolare nelle ultime settimane” e hanno notato i commenti che ha fatto nel suo programma secondo cui non aveva altro patrimonio oltre al denaro che poteva guadagnare vendendo integratori alimentari. David Jones, un dentista conosciuto come “Dr. Jones”, ha detto ai suoi ascoltatori di continuare ad acquistare prodotti da un sito web che ha co-fondato con suo padre.

Le famiglie accusano Jones di aver tentato di dirottare risorse dalla sua società di media, Free Speech Systems.

Le famiglie hanno affermato che “gli sforzi palesi e persistenti di Jones per incanalare le attività della proprietà FSS verso un’entità senza personalità giuridica di proprietà di suo padre – utilizzando il marchio e l’infrastruttura Infowars – erano intenzionalmente distruttivi del valore”.

L’autista ha negato le accuse in tribunale.

In un’udienza del 2022 in Texas, Jones ha generalmente incolpato i “media aziendali” per aver distorto e travisato le sue parole, ma non ha specificato come.

Jones ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11 quell’anno, che gli avvocati dei ricorrenti hanno criticato come uno stratagemma per evitare di pagare i debiti. Un giudice ha stabilito l’anno scorso che Jones, che aveva affermato nei documenti del tribunale di possedere circa 9 milioni di dollari in beni personali, non poteva usare la bancarotta per cancellare sentenze legali. I suoi avvocati hanno detto in una dichiarazione in tribunale la scorsa settimana: “No, no. ragionevole possibilità di una ristrutturazione riuscita dei suoi debiti”, quindi chiedono al giudice il permesso di convertire la sua dichiarazione di fallimento in liquidazione ai sensi del Capitolo 7.

Le famiglie di Sandy Hook nel Connecticut affermano di sostenere il giudice che approva i beni personali di Jones perché vogliono vedere come può far fronte ai suoi obblighi finanziari nei loro confronti, e Free Speech Systems, che ha cercato protezione dalla bancarotta.

Un avvocato delle famiglie ha detto la scorsa settimana che il rispetto dei suoi obblighi finanziari da parte di Jones rientrava in una “responsabilità significativa”. I suoi decenni di retorica incendiaria.

Jones ha suggerito nel suo show di questa settimana che InfoWars finirà, come il suo pubblico saprà tra pochi giorni.

“Resterò sulla nave finché non affonderà completamente,” disse, “e all’ultimo momento salirò sulla nave successiva.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *