Boeing Starliner: due astronauti aspettano di tornare a casa tra problemi alla navicella spaziale

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, scoperte scientifiche e altro ancora.



CNN

La navicella spaziale Starliner della Boeing è destinata a celebrare il suo coronamento questo mese: trasportare due astronauti della NASA in un viaggio di andata e ritorno verso la Stazione Spaziale Internazionale, dimostrando la capsula ad alto budget e a lungo ritardato.

Starliner è a metà strada verso quell’obiettivo.

Ma i due astronauti veterani che pilotano il volo di prova si trovano ora in una posizione temporanea: prolungano la loro permanenza sulla stazione spaziale per la seconda volta mentre gli ingegneri a terra si affrettano per saperne di più sui problemi che hanno afflitto la prima tappa del loro viaggio.

Gli astronauti Suni Williams e Butch Wilmore hanno raggiunto la stazione spaziale il 6 giugno a bordo di Starliner. La NASA inizialmente aveva previsto che il loro soggiorno sarebbe durato una settimana.

Ma i problemi che il veicolo ha riscontrato durante il viaggio, comprese perdite di elio e propulsori che hanno improvvisamente smesso di funzionare, hanno sollevato dubbi su come andrà a finire la seconda metà della missione.

Williams e Willmore non torneranno prima del 26 giugno, ha annunciato martedì la NASA, estendendo la loro missione di almeno 20 giorni mentre gli ingegneri corrono per comprendere meglio i problemi della navicella spaziale mentre sono ancorati in sicurezza alla stazione spaziale.

I funzionari hanno detto che non c’è motivo di credere che Starliner non sarà in grado di riportare gli astronauti a casa, anche se “vogliamo lavorare sul resto dei dati”, ha detto martedì Steve Stich, responsabile del programma del gruppo commerciale della NASA. Conferenza stampa.

Nel frattempo, il vicepresidente della Boeing e project manager del programma Starliner, Mark Nappi, ha affermato che Boeing ha cercato di inquadrare la missione come un’opportunità di successo e di apprendimento, anche se il team Starliner era bloccato con il lato “non pianificato” della missione. Mettilo martedì.

Questo non è insolito per gli astronauti prolungare inaspettatamente il loro soggiorno Sulla stazione spaziale: giorni, settimane o addirittura mesi. (Secondo Stich, la NASA ha anche affermato che Starliner potrebbe trascorrere fino a 45 giorni nel laboratorio orbitante, se necessario.)

Ma la situazione crea un momento di incertezza e imbarazzo che si aggiunge a una lunga lista di passi falsi simili da parte del programma Boeing Starliner, che è già in ritardo di anni. Si aggiunge anche al coro di notizie sfavorevoli che da tempo accompagna la Boeing come azienda.

Gli ingegneri della Boeing e della NASA hanno dichiarato di aver deciso di lasciare lo Starliner – e Williams e Wilmore – per rimanere sulla stazione più a lungo del previsto, principalmente per condurre ulteriori analisi. Perdite di elio e problemi di propulsione si sono verificati in una parte del veicolo che non era destinata a tornare a casa dallo spazio, quindi le squadre di missione hanno ritardato il ritorno della navetta come parte di un ultimo disperato tentativo.

Il pericolo si presenta ogni volta che la navicella spaziale torna a casa dall’orbita. Questo potrebbe essere il tratto più pericoloso di qualsiasi viaggio nello spazio.

NASA

L’equipaggio del Boeing della NASA ha testato la navicella spaziale Starliner attraccata il 13 giugno nel porto anteriore del Modulo Harmony, la Stazione Spaziale Internazionale in orbita a 262 miglia sopra la costa mediterranea dell’Egitto.

Il viaggio richiederebbe che lo Starliner colpisse la densa atmosfera terrestre viaggiando a 22 volte la velocità del suono. Questo processo cuoce l’esterno della navicella a circa 3.000 gradi Fahrenheit.

Quindi, una serie di paracadute – riprogettati da Boeing e testati a gennaio – dovrebbero rallentare la capsula in modo sicuro prima che raggiunga la terraferma. (La Starliner è stata la prima capsula prodotta negli Stati Uniti con paracadute Atterraggio a terra Piuttosto che sguazzare nell’oceano. (Boeing spera che questo approccio renderà più semplice il recupero e la ristrutturazione dello Starliner dopo il volo.)

Il viaggio di Starliner verso questa storica missione di test dell’equipaggio è iniziato nel 2014, quando la NASA ha contattato sia Boeing che SpaceX per sviluppare un veicolo spaziale in grado di trasportare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

All’epoca, Boeing era vista come una solida azienda aerospaziale che avrebbe portato a termine il lavoro per prima, mentre SpaceX era una nuova azienda imprevedibile.

Tuttavia, nell’ultimo decennio, le sorti sono cambiate.

La navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX ha completato in sicurezza la sua prima missione con equipaggio nel 2020 – è decollata senza incidenti – e il veicolo continua a far volare astronauti e clienti paganti.

Joel Kowsky/NASA

Un razzo SpaceX Falcon 9 che trasportava la navicella spaziale Crew Dragon della compagnia ha lanciato gli astronauti della NASA Robert Behnken e Douglas Hurley verso la Stazione Spaziale Internazionale il 30 maggio 2020, segnando il volo inaugurale con equipaggio della navicella.

I due astronauti che hanno pilotato il volo inaugurale della Crew Dragon – Bob Behnken e Doug Hurley – sono rimasti a bordo della stazione spaziale più a lungo del previsto, più di 60 giorni, la durata più breve prevista per tali voli di prova.

Ma la permanenza di Hurley e Behnken fu prolungata in modo che gli astronauti potessero aiutare con le operazioni quotidiane sulla stazione spaziale, che all’epoca era a corto di personale. Questa estensione non è direttamente correlata a problemi software o hardware specifici di Crew Dragon di SpaceX.

I problemi dei veicoli spaziali, d’altro canto, paralizzarono il programma Starliner della Boeing praticamente in ogni fase. Secondo i registri finanziari pubblici, nel corso degli anni il veicolo è costato all’azienda più di 1 miliardo di dollari in ritardi, contrattempi e costi aggiuntivi.

La prima missione di prova dello Starliner, effettuata senza equipaggio alla fine del 2019, è stata segnata da contrattempi. Il veicolo si è comportato male in orbita, segno di problemi software, incluso un errore di codifica che ha fermato l’orologio interno di 11 ore.

Un secondo Test di volo senza pilota nel 2022 Sono stati identificati ulteriori problemi software e problemi con alcuni dei propulsori del veicolo.

Stich, un program manager della NASA, lo ha sottolineato il 6 giugno Conferenza stampa Gli ingegneri potrebbero non aver risolto completamente questi problemi entro il 2022.

“Pensavamo di aver risolto il problema”, ha detto Stich, “ma penso che ci stiamo perdendo qualcosa di fondamentale che sta accadendo all’interno del propulsore.”

Michael Lembeck, professore associato di ingegneria aerospaziale presso l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign e consulente della divisione voli spaziali della Boeing dal 2009 al 2014, ha detto alla CNN che sarebbe difficile determinare se ulteriori test a terra avrebbero rilevato i problemi di propulsione. in mano

Ma Lembeck ha sottolineato che giudicare il successo di questa missione di prova non è così semplice come confrontarla direttamente con il volo di prova dell’equipaggio inaugurale della Crew Dragon di SpaceX.

Ad esempio, la capsula cargo Dragon di SpaceX, il precursore di Crew Dragon, ha completato più di un decennio di missioni cargo senza pilota verso la stazione spaziale prima che i voli Crew Dragon decollassero.

“SpaceX ha un vantaggio con il programma cargo”, ha detto Lembeck. “Penso che abbiano un vantaggio che Boeing non ha. Boeing deve costruire da zero un veicolo per l’equipaggio.

Se la missione di test dello Starliner dovesse subire ulteriori battute d’arresto, potrebbe mettere Boeing in una situazione in cui dovrà fare affidamento sul suo concorrente per riportare a casa Williams e Wilmore.

“La cosa più imbarazzante è che un Crew Dragon deve andare a recuperare gli astronauti”, ha detto Lembeck. La navetta “può essere inviata con due membri dell’equipaggio e restituita con quattro: questa è la strada di casa”.

I dirigenti della Boeing hanno ripetutamente cercato di chiarire che il programma Starliner opera indipendentemente dalle altre divisioni della compagnia, inclusa la divisione delle compagnie aeree commerciali, che è da anni al centro di scandali.

“Gli esseri umani volano in questo veicolo. Lo prendiamo sempre molto sul serio”, ha detto una volta Nubby Descrizione del messaggio Prima che lo Starliner decollasse ad aprile.

Nappi dichiarò che l’equipaggio dello Starliner stava operando alla “massima efficienza” in quel momento e “non vedeva l’ora di eseguire una missione veramente sicura”.

Martedì, alla domanda su questa affermazione, l’amministratore della NASA Stich ha detto che i funzionari della Boeing e della NASA si aspettavano sempre di trovare ulteriori problemi durante il volo di prova.

Ad un certo punto Williams ha menzionato questa aspettativa Conferenza stampa prima del volo“Troviamo sempre cose e continueremo a trovare cose.

“Quando voliamo su un’astronave, non tutto è perfetto. …Ci sentiamo molto sicuri e a nostro agio con il modo in cui vola questo veicolo spaziale e disponiamo di procedure di backup nel caso in cui siano necessarie”, ha affermato Williams.

Tuttavia, Sticht ha riconosciuto martedì che Boeing e la NASA avrebbero potuto prevenire alcuni dei problemi affrontati dallo Starliner: “Forse avremmo potuto fare diversi test a terra per caratterizzare alcuni dei (problemi di propulsione) in anticipo”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *