Carlo Buccirosso fa rivivere la grande tradizione del teatro napoletano

- Roma

Fa tappa a Roma “Colpo di scena”, una commedia dalle tinte gialle e coinvolgente.

In forma smagliante Carlo Buccirosso che a Roma, al Teatro Sala Umberto, ha fatto tappa con “Colpo di scena”, una commedia che prende il via in un classico commissariato di provincia dove l’irreprensibile vice questore Armando Piscitelli si sente investito del compito di ripulire il mondo da tutte le nefandezze umane. Gli uomini su cui può contare sono l’inossidabile tartassato ispettore Murolo, i giovani agenti rampanti Varriale, Di Nardo e Farina e l’esperta rassicurante sovrintendente Signorelli… Il caso del giorno è l’arresto del recidivo Michele Donnarumma che il destino vuole aver fatto sua preda la dottoressa Cuccurullo che ha in cura il padre del vice questore, un ex colonnello dell’esercito colpito da Alzheimer che vive in montagna con la sua bisbetica badante rumena. Gli ingredienti ci sono tutti per una scoppiettante commedia dal finale imprevisto. Il cast tiene benissimo il ritmo fragoroso e la verve di Buccirosso. Bravi: Gino Monteleone, Gennaro Silvestro (amato volto de “I bastardi di Pizzofalcone”), Peppe Miale, Monica Assante di Tatisso, Elvira Zingone, Roberta Gesuè, Giordano Bassetti, Fiorella Zullo, Matteo Tugnoli. Avvolgenti le scene di Gilda Cerullo e Renato Lori che contribuiscono a trasportare il pubblico nella più classica commedia partenopea. Sì, perché con Buccirosso in scena rivive la tradizione del grande teatro napoletano sul solco di Eduardo.