Dan Hurley: il calo dell’offerta dei Lakers non prevede il “gioco con leva”

Dan Hurley ha detto che la sua decisione di rifiutare un’offerta di sei anni da 70 milioni di dollari per allenare i Los Angeles Lakers non è stata “un gioco alto” perché aveva già accettato i termini di un nuovo contratto con UConn.

In “Lo spettacolo di Dan Le Batard con Stugotz”. Giovedì, Hurley ha detto che era una decisione difficile se allenare i Lakers per una somma a otto cifre o tornare per inseguire il terzo titolo nazionale consecutivo all’UConn. Ma questa leva non è necessaria perché lui e UConn hanno già negoziato un nuovo contratto nelle ultime settimane.

“Una delle cose peggiori che abbia mai sentito è stata una commedia straniera che ho fatto per migliorare la mia situazione alla UConn”, ha detto Hurley nello show. “Non ho bisogno di influenza qui. Abbiamo vinto campionati nazionali consecutivi qui. Non è mai stata una situazione vantaggiosa per me.

“Ho un contratto qui da due settimane. La parte finale, dal punto di vista salariale, è stata fatta per un po’. C’è stato il NIL, gli stipendi del personale e alcune cose diverse. Ho bisogno di essere aggiustato, ma la sensazione di questo essendo una cospirazione per farmi un buon affare alla UConn, è pigro.

Hurley ha ammesso che probabilmente i Lakers gli hanno fatto un’offerta che non poteva rifiutare. Ma ha detto che il suo contratto alla UConn – che la scuola non ha annunciato – lo avrebbe reso l’allenatore universitario più pagato negli Stati Uniti. Attualmente ha un contratto di sei anni da 32,1 milioni di dollari con UConn. L’allenatore del Kansas Bill Self è attualmente l’allenatore più pagato con 9,6 milioni di dollari all’anno.

Adrian Wojnarowski di ESPN ha riferito la scorsa settimana che i Lakers hanno deciso di concentrare la loro ricerca su Hurley rispetto ad altri candidati. Hurley è volato a Los Angeles durante il fine settimana per incontrare il direttore generale Rob Belinka e la proprietaria Jeanie Buss. Tuttavia, giovedì ha detto di non aver parlato direttamente con la più grande stella della squadra. LeBron JamesPrima di scegliere.

“Io non ho fatto [speak to James]”, ha detto Hurley. “Abbiamo avuto qualche contatto. Allenarlo sarebbe stata un’emozione”.

Hurley ha detto che ha trascorso un fine settimana angosciante mentre lottava con le sue opzioni.

“È stata una decisione coraggiosa per me”, ha detto. “Domenica sera, fino a lunedì, quando avevo in mente una scadenza, ero combattuto e non sapevo cosa avrei fatto finché non sono andato a letto.”

I Lakers, ha detto Hurley, avrebbero dovuto pagargli una cifra significativa per lasciare il programma UConn.

“Per decollare, probabilmente c’è [a number]”, ha detto. “Lasciare un posto in qualsiasi momento della tua vita, per dire che non è un fattore motivante… le finanze per lasciare un posto sono sicuramente una cosa. Stare in un posto, non penso sia una cosa. Per restare in un posto come UConn, potrebbe non essere stata una questione finanziaria.

“Non è una tattica di pressione per farmi diventare un allenatore universitario ben pagato. È già stato fatto. Ma lasciare un posto dove ti senti come noi e il legame familiare con mia moglie, i miei figli, mia madre. Mio padre… suocero, mio ​​padre… andando ai tornei del Big East. Quando allenavo contro Rick Pitino, sapevo quanto fosse importante venire a 10 partite dell’UConn all’anno in casa e forse c’era un numero dietro tutto ciò.”

Hurley tornerà in una squadra dell’UConn con la possibilità di vincere il suo terzo titolo nazionale consecutivo, un’impresa non compiuta da quando John Wooden guidò l’UCLA a sette campionati negli anni ’60 e ’70. Ma Hurley ha detto che l’offerta dei Lakers era allettante per via della storia e del prestigio legati al concerto.

“È qualcosa che volevo esplorare”, ha detto Hurley. “L’opportunità di allenare i Lakers, di allenare uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, di allenare uno dei più grandi giocatori della NBA. [Anthony Davis] E dirigere un franchise così storico, tra i più grandi di sempre – Pat Riley e Phil Jackson – [coached]. Avevo in mente di esplorare e considerare come sarebbe stato.”

Hurley ha parlato ai media più tardi giovedì al Worth Champions Center dell’UConn. Ha detto ai giornalisti che l’offerta dei Lakers era “ovviamente allettante”, ma aveva diversi motivi per restare con gli Huskies.

“Pensi a due posti che stai cercando di scegliere. Stai allenando campioni consecutivi alla UConn o ai LA Lakers”, ha detto Hurley. “Non sono molti gli allenatori che devono scegliere tra queste due opzioni per la propria carriera.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *