Elezioni francesi 2024 in diretta: l’NFP vince il maggior numero di seggi, Macron secondo, Le Pen terza

Domenica scorsa, per le strade di Parigi, sono scoppiati applausi dopo che i risultati avevano previsto che il Nuovo Fronte Popolare (NFP) di sinistra avrebbe sconfitto il partito di estrema destra Raggruppamento Nazionale (RN) nelle elezioni parlamentari anticipate francesi.

Una grande folla si è poi radunata in Place de la République nella capitale per festeggiare la conquista di più seggi in parlamento da parte della coalizione di sinistra, cantando il popolare slogan di sinistra “I giovani fregano il Fronte Nazionale”.

L’NFP è una fusione di diversi partiti, che vanno dal partito di estrema sinistra France Unbot ai più moderati socialisti e ambientalisti.

La coalizione ha ottenuto 182 seggi all’Assemblea nazionale, diventando così il gruppo più numeroso, ma non è riuscita a raggiungere i 289 seggi necessari per ottenere la maggioranza assoluta, ha affermato il Ministero degli Interni francese.

Gli addetti ai sondaggi iniziano a contare i voti a Schildheim, in Francia.

Parlando ad una folla di sostenitori estasiati vicino a piazza Stalingrado, Jean-Luc Mélenchon, il leader del partito francese Anbo, ha detto che i risultati sono stati “un grande sollievo per la maggior parte delle persone nel nostro paese”.

“Il nostro popolo ha chiaramente rifiutato lo scenario peggiore”, ha detto Mélenchon. “Si è verificata una spettacolare ondata di mobilitazione civile!”

Jean-Luc Mélenchon, leader del partito francese Senza opposizione e membro del Nuovo Fronte Popolare, ha salutato i sostenitori a Parigi dopo l'annuncio dei risultati parziali.

Domenica notte, la polizia ha sgombrato Place de la République e ha sparato gas lacrimogeni sulla folla di persone, soprattutto giovani.

Ma i manifestanti erano ottimisti e le foto mostravano persone in tutta la città che esultavano e festeggiavano.

La gente reagisce alle previsioni dei risultati a Parigi.

L’umore era molto peggiore per i sostenitori del partito di estrema destra RN.

L’atmosfera sommessa durante l’evento elettorale della RN nel parco Bois de Vincennes a Parigi è crollata un’ora prima della chiusura delle urne, quando è diventato chiaro che la coalizione di estrema destra sarebbe arrivata terza nei sondaggi.

Le persone si riuniscono in Place de la République a Parigi per celebrare i risultati preliminari.

Dopo che la previsione è stata annunciata, Giordano BartellaIl 28enne leader della RN ha affermato che la Francia è precipitata nell'”incertezza e nell’instabilità”.

Nonostante fosse in testa al primo turno di votazioni, il partito di estrema destra Raggruppamento Nazionale (RN) di Marine Le Pen e i suoi alleati hanno ottenuto 143 seggi.

Senza che nessun partito ottenga la maggioranza, è probabile che il Parlamento si trovi in ​​una situazione di stallo e sia diviso in tre circoscrizioni elettorali.

Marine Le Pen, leader del partito di estrema destra Raggruppamento Nazionale, ha detto ai giornalisti a Parigi che i risultati parziali mostrano che il suo partito non otterrà la maggioranza.

L’ottima prestazione della RN al primo turno ha alimentato i timori che la Francia potesse essere sul punto di eleggere il suo primo governo di estrema destra dai tempi del regime collaborazionista di Vichy della Seconda Guerra Mondiale.

Ma i risultati di domenica sono stati un grande sconvolgimento e mostrano il desiderio schiacciante degli elettori francesi di impedire all’estrema destra di prendere il potere, anche a costo di un parlamento sospeso.

I sostenitori del partito di estrema destra francese Raggruppamento Nazionale hanno reagito a Parigi dopo l'annuncio dei risultati parziali.

Il blocco centrista del presidente Emmanuel Macron, scivolato ad un pessimo terzo posto nel primo turno di votazioni di domenica scorsa, ha messo a segno una forte ripresa conquistando 163 seggi.

Il sostenitore di Macron, Gabriel Atal, ha annunciato lunedì mattina le sue dimissioni da primo ministro. Sembra che abbia criticato la decisione di Macron di indire un referendum immediato, affermando che “non aveva scelto” di sciogliere il parlamento francese.

Le persone si riuniscono durante una manifestazione notturna delle elezioni in Place de la République a Parigi.

Dopo le elezioni parlamentari, il presidente francese nomina un primo ministro appartenente al partito con più seggi. Di solito significa un candidato del partito dello stesso presidente. Tuttavia, i risultati di domenica lasciano Macron di fronte alla possibilità di nominare un uomo della coalizione di sinistra, in un raro accordo noto come “collaborazione”.

Parlando ai sostenitori vicino a piazza Stalingrado, Mélenchon ha affermato che “Macron ha il dovere di chiedere un nuovo Fronte popolare per governare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *