“Hanno salvato tutta la vita per questo”: il cuore spezzato di una donna americana dopo la morte dei genitori durante l’Hajj



CNN

Saida Wuri ha detto che il sogno di una vita dei suoi genitori era quello di partecipare all’Hajj, che ogni anno porta musulmani da tutto il mondo in Arabia Saudita.

Hanno speso $ 23.000 per un pacchetto di viaggio tutto compreso tramite una compagnia turistica registrata nello stato del Maryland.

“Hanno salvato tutta la vita per questo”, ha detto a Fredricka Whitfield della CNN.

Ma il viaggio di una vita è diventato tragico questa settimana quando si è appreso che sua madre, Isatu Tejan Vouri, 65 anni, e suo padre, Aliu Dousi Vouri, 71 anni, erano tra le centinaia di pellegrini morti. temperatura estrema Coprendo il paese del Golfo Persico. Più di 500 Si teme che il numero dei decessi accertati superi il migliaio.

I Voorhee sono cittadini statunitensi di Bowie, nel Maryland. La signora Woori è recentemente andata in pensione come caposala presso la Kaiser Permanente nella contea di Prince George, ha detto sua figlia alla CNN.

Sabato, parlando al programma Whitfield della CNN, Woori ha detto di essere rimasto in stretto contatto con i suoi genitori attraverso la chat di gruppo familiare mentre erano in Arabia Saudita. È stato durante quella chat che sono venuto a sapere che la compagnia turistica non forniva mezzi di trasporto adeguati o credenziali necessarie per partecipare al pellegrinaggio. Il gruppo con cui viaggiavano i suoi genitori, che comprendeva 100 altri pellegrini, non aveva abbastanza cibo e provviste per il viaggio di cinque-sei giorni, che è un pilastro dell’Islam, ha detto.

Woori ritiene che i suoi genitori “non siano stati adeguatamente preparati” per il viaggio da parte del tour operator e “non abbiano ricevuto ciò per cui avevano pagato” dalla compagnia. La CNN ha contattato l’agenzia di viaggi per un commento.

Foto di famiglia

Z. Tejan Vuri e Aliyu Dousi Vuri.

Quando ha avuto notizie dai suoi genitori sabato 15 giugno, sua madre gli ha scritto che stavano già aspettando da ore il trasporto che li avrebbe portati al Monte Arafat. Crede che in quel momento fossero a Mina. Alla fine la coppia ha deciso di camminare e ha inviato un messaggio alla figlia dopo aver camminato per più di due ore.

La coppia si è poi unita agli altri pellegrini e ad altri partecipanti alla spedizione sul Monte Arafat, dove si sono riuniti per pregare e meditare nel luogo sacro. Dopo che suo padre ha detto che non potevano continuare il viaggio e che si sarebbero fermati lungo la strada, uno del gruppo ha contattato Saida Wuri e le ha detto che i suoi genitori erano scomparsi sul Monte Arafat. L’uomo ha continuato fino alla cima del Monte Arafat, ma non è riuscito a trovare la coppia quando è sceso.

Wuri ha ricevuto una notifica di morte dall’ambasciata americana a Jeddah, a sua volta ricevuta dal Ministero degli Interni saudita, in cui si afferma che i suoi genitori erano morti per “cause naturali” il 15 giugno. Successivamente qualcuno all’ambasciata americana gli ha detto che aveva un colpo di calore. Considerata una causa naturale.

L’ufficio del Consolato Generale le ha detto che i suoi genitori erano già sepolti, ma non potevano dirle esattamente dove.

Ora Saida e i suoi fratelli stanno facendo tutto il possibile per ottenere risposte e trovare la tomba dei loro genitori.

“Abbiamo chiesto al governo saudita di trattenere i corpi per portarli in Arabia Saudita e di dare loro almeno una degna sepoltura. [their] I bambini saranno lì e i corpi potranno essere identificati”, ha detto a Whitfield. “Purtroppo sono già sepolti.”

Poiché non parla arabo e non ha familiarità con la zona, vuole che i diplomatici americani aiutino lei e i suoi fratelli a trovare dove sono sepolti i loro genitori e a raccogliere le loro cose quando la incontrano a terra. Da sabato, ha detto, gli inviati non si erano impegnati ad incontrarlo di persona in Arabia Saudita.

Il Dipartimento di Stato americano ha confermato che “diversi cittadini americani sono morti in Arabia Saudita”, ma ha rifiutato di commentare qualsiasi dettaglio sulla famiglia Wuri.

Il caldo estremo è stato citato come uno dei fattori principali dietro le centinaia di morti e feriti segnalati durante l’Hajj di quest’anno. Lunedì la città santa della Mecca, centro del pellegrinaggio Hajj, ha raggiunto la temperatura record di 125 gradi Fahrenheit.

Con le alte temperature previste per l’incontro di quest’anno, l’esercito saudita ha schierato più di 1.600 persone con unità mediche e 30 squadre di risposta rapida specifiche per il colpo di calore. Erano in servizio anche altri 5mila volontari sanitari e di primo soccorso.

Fadel Senna/AFP/Getty Images

Una donna usa un ventilatore alimentato a batteria per rinfrescare un uomo disteso a terra durante il rituale della “lapidazione del diavolo”, simbolo del pellegrinaggio annuale Hajj, a Mina il 16 giugno 2024.

Ma la CNN ha parlato con altri pellegrini dell’Haj che hanno affermato che le disposizioni erano inadeguate. descrive Altri fedeli sono stati visti passare accanto a corpi coperti di panni bianchi, privi di sensi.

Poiché i paesi di tutto il mondo continuano a denunciare in modo indipendente la morte dei propri cittadini, il bilancio esatto delle vittime non è chiaro ed è destinato ad aumentare.

Sono aumentate anche le preoccupazioni sui gruppi turistici illegali. L’Egitto ha annunciato la cancellazione delle licenze di 16 compagnie di viaggio che organizzano viaggi Hajj, ha riferito l’agenzia di stampa statale Ahram Online.

Questa non è la prima volta che centinaia di pellegrini muoiono durante il pellegrinaggio Hajj, che quest’anno ha attirato più di 1,8 milioni di persone. Nel 2015 sono state uccise più di 700 persone Durante l’ora di punta nella città saudita di Mina, appena fuori La Mecca. Nel 2006, 363 persone furono uccise in una ressa a Mina, dove i pellegrini si erano radunati per partecipare al rito della “lapidazione del diavolo”. L’anno scorso sono morte più di 200 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *