I democratici chiedono “azione” contro la Corte Suprema dopo la sentenza di impeachment di Trump

Una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che garantisce l’immunità presidenziale per gli atti ufficiali – di cui Donald Trump avrebbe dovuto beneficiare in un’udienza del 6 gennaio – ha chiesto l’impeachment o altra “svista aggressiva” contro i membri conservatori della corte.

Il giorno del verdetto, il rappresentante democratico di New York. Alexandria Ocasio-Cortez ha promesso di presentare articoli di impeachment al ritorno del Congresso la prossima settimana, anche se si tratta di un azzardo politico.

“La Corte Suprema è consumata da una crisi di corruzione che va oltre il suo controllo”, ha detto Ocasio-Cortez. Un post sui social. Tuttavia, non ha spiegato chi avrebbe preso di mira e deve ancora rispondere a una richiesta di chiarimenti da parte di ABC News. “La sentenza di oggi rappresenta un attacco alla democrazia americana. È responsabilità del Congresso proteggere la nostra nazione da questa presa autoritaria”.

Un collega democratico di New York, Rep. Joe Morell ha detto che proporrà un emendamento costituzionale.

“Introdurrò un emendamento costituzionale per invertire la decisione dannosa di SCOTUS e garantire che nessun presidente sia al di sopra della legge. Questo emendamento farà ciò che SCOTUS non è riuscito a fare: mettere la nostra democrazia al primo posto”, ha affermato. Pubblicato in X.

Nel frattempo, sulla scia delle recenti segnalazioni di giudici che accettano viaggi e altri regali, i democratici del Senato hanno cercato a lungo di imporre maggiore responsabilità alla corte – e hanno invitato i giudici Clarence Thomas e Samuel Alito ad astenersi dai casi relativi all’omicidio di gennaio. 6 udienza. .

Cosa ha detto la Corte e la reazione

La corte ha affermato che Trump ha diritto a una certa immunità dai procedimenti penali, comprese alcune azioni intraprese per alterare i risultati delle elezioni del 2020. Nessuna immunità contro gli “atti non autorizzati”.

Gli esperti dicono che ciò ritarderebbe di fatto qualsiasi potenziale indagine fino a dopo le elezioni di novembre.

Secondo l’opinione della maggioranza della corte, il giudice capo John Roberts ha scritto che le intenzioni del presidente sono irrilevanti per valutare se un atto ufficiale è immune o se si ritiene che un atto violi la legge generalmente applicabile.

In un feroce dissenso, la giudice Sonia Sotomayor ha affermato che la sentenza rende il presidente un “re al di sopra della legge”, un duro colpo ai principi fondanti della Costituzione degli Stati Uniti e al sistema di governo americano che generalmente non prevede “nessun uomo”. Al di sopra della legge.”

Erano presenti anche i democratici.

Rappresentante. Hakeem Jeffries, il leader della minoranza alla Camera, ha criticato la decisione, chiedendo maggiore controllo e azione da parte della più alta corte della nazione, ma con i repubblicani che controllano la Camera, c’è un limite a ciò che i democratici possono fare da soli.

“I Democratici alla Camera si impegneranno in un controllo aggressivo e in un’azione legislativa rispetto alla Corte Suprema per garantire che i giudici di estrema destra in maggioranza rispettino la Costituzione”, ha affermato Jeffries in una nota.

I repubblicani hanno salutato la decisione dell’immunità del presidente come una vittoria, affermando che l’amministrazione Biden aveva armato il Dipartimento di Giustizia contro Trump.

“Il presidente degli Stati Uniti dovrebbe avere la stessa immunità dei membri del Congresso e dei giudici federali, necessaria affinché qualsiasi presidente possa funzionare correttamente”, ha affermato la deputata Elise Stefanik. Un post sui social.

Nel mezzo di un esame approfondito, dai un’occhiata ad alcune delle opzioni legislative suggerite dai critici della Corte Suprema:

Come funziona l’impeachment?

Come ivi affermato Ufficio amministrativo dei tribunali degli Stati UnitiSolo il Congresso ha il potere di rimuovere un giudice federale per “tradimento, corruzione o altri gravi crimini e delitti” mediante impeachment da parte della Camera dei Rappresentanti e processo e condanna da parte del Senato.

L’articolo III della Costituzione afferma che i giudici “manterranno le loro funzioni durante la buona condotta”.

L’impeachment richiede 218 voti: un voto a maggioranza semplice per approvare la legge.

Attualmente, i repubblicani detengono 219 seggi mentre i democratici ne detengono 213.

Se approvati, gli articoli di impeachment verrebbero inviati al Senato, dove un voto di due terzi – 67 voti – richiederebbe la condanna. La pena per l’ufficiale imputato è la rimozione dall’incarico previa condanna.

Al Senato i democratici detengono 47 seggi, gli indipendenti 4 e i repubblicani 48.

Un giudice della Corte Suprema è già stato messo sotto accusa?

Secondo il Federal Judicial Center, solo un giudice della Corte Suprema è stato messo sotto accusa.

Secondo il Centro, il giudice associato Samuel Chase fu messo sotto accusa dalla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti nel 1804 per “aver condotto processi arbitrari e oppressivi”. Tuttavia, fu assolto dal Senato degli Stati Uniti nel 1805 e rimase sul banco della Corte Suprema.

Più di una dozzina di giudici federali sono stati messi sotto accusa per ragioni tra cui rapporti d’affari impropri con le parti in causa, abuso di potere di disprezzo, intossicazione da banco e abuso d’ufficio.

Tre si sono dimessi prima che la procedura di impeachment fosse completata. Solo otto sono stati condannati.

La Corte Suprema è stata scossa dai recenti scandali

La Corte Suprema è stata oggetto di preoccupazioni etiche negli ultimi anni dopo che l’agenzia di stampa investigativa ProPublica ha accusato i giudici Clarence Thomas e Samuel Alito di non aver rivelato i loro legami con ricchi uomini d’affari e donatori politici. Ha inoltre riferito che il giudice Sonia Sotomayor ha utilizzato personale giudiziario finanziato dai contribuenti per vendere i suoi libri.

Alito ha sostenuto in un editoriale del Wall Street Journal di aver agito in modo appropriato. Nel caso Thomas, ha detto che credeva di non dover rivelare quelle relazioni. Nel caso di Sotomayor, la corte ha affermato che lei e gli altri erano stati esortati a seguire i protocolli adeguati.

La deputata democratica Rashida Thlib ha chiesto l’impeachment di Alito e Thomas a giugno per queste relazioni.

“Abbiamo bisogno di un’azione urgente per ritenere responsabili questi estremisti corrotti e squilibrati”, ha detto Tlieb alla Camera a giugno. “È profondamente preoccupante che la Corte Suprema degli Stati Uniti, la più alta corte del nostro paese, sia l’unica senza regole di condotta applicabili”.

Anche i giudici Thomas, Alito, Sotomayor, Neil Gorsuch e John Roberts sono stati criticati per legami finanziari o personali con aziende e gruppi che hanno casi davanti alla corte.

Gli scandali hanno portato all’introduzione della “Legge sull’etica, la ricusazione e la trasparenza della Corte Suprema”, sostenuta dai democratici, che imporrebbe una maggiore supervisione dei giudici e li sottoporrebbe alle stesse regole di divulgazione di doni, viaggi e entrate dei giudici delle corti di grado inferiore.

Il disegno di legge creerebbe un sistema per indagare sui reclami sulla loro condotta e aumenterebbe la trasparenza nei potenziali conflitti con le parti davanti ai tribunali. Il disegno di legge è stato originariamente introdotto nel 2023.

“Non c’è da stupirsi che la fiducia del pubblico sia così profondamente danneggiata”, ha detto il senatore democratico Jeff Merkley in una recente dichiarazione a sostegno del disegno di legge. “È inaccettabile che i giudici della Corte Suprema non abbiano un codice etico applicabile che favorisca la corruzione”.

Alcuni repubblicani, tuttavia, affermano che la proposta di riforma della supervisione è un tentativo di depenalizzare la corte.

“Non è progettato per rendere la corte più forte o più etica, ma per distruggere una corte conservatrice”, ha affermato il senatore repubblicano. Lindsay Graham si è opposta al disegno di legge l’anno scorso. “Questo è un disegno di legge per riorganizzare il modo in cui la corte si governa.”

Nell’aprile 2023, i nove giudici hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sostenendo che già aderiscono a un codice di “principi e pratiche etiche” e si oppongono a un controllo indipendente.

Devin Dwyer di ABC News ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *