Il giudice del Nevada respinge la causa contro Trump per “falso elettore”.

Venerdì un giudice del Nevada ha respinto una causa contro sei falsi elettori che avevano dichiarato l’ex presidente Donald Trump vincitore delle elezioni presidenziali del 2020.

Il giudice del tribunale distrettuale della contea di Clark, Mary Kay Holthus, ha stabilito dal banco che lo stato aveva archiviato il caso nella giurisdizione sbagliata, ha confermato l’ufficio del procuratore generale dello stato a NBC News.

Un portavoce dell’ufficio ha detto che il principale avvocato del governo farà “immediato appello”.

Il verdetto del giudice a Un grand jury incriminato a dicembre Sei repubblicani sono stati accusati di un paio di reati nell’ambito di un’indagine sulle elezioni presidenziali del 2020, inclusa la fornitura di uno strumento falso per archiviare e rilasciare un documento contraffatto.

Tra gli accusati c’erano il presidente del GOP del Nevada State Party Michael MacDonald e il vicepresidente e membro del comitato nazionale Jim DeGraffenreid. Entrambi erano comparsi in precedenza davanti a un gran giurì criminale che indagava sulla rivolta della capitale.

Gli avvocati di MacDonald e il membro del comitato repubblicano della contea di Douglas Elaine Rice hanno detto a NBC News di ritenere che il giudice abbia preso la decisione giusta perché i presunti atti non hanno avuto luogo nella contea di Clark.

“Siamo lieti che le accuse dei nostri clienti siano state respinte e siamo fiduciosi che la Corte Suprema del Nevada confermerà il rigetto”, hanno affermato gli avvocati Monty Levy e Richard Wright.

Venerdì Wright ha sostenuto in una mozione a nome degli imputati che Las Vegas era la sede sbagliata per il caso.

Sono state organizzate anche liste elettorali false per l’ex presidente e sono state presentate accuse in altri stati teatro di battaglia come il Michigan e la Georgia.

Tre soci di Trump sono stati incriminati all’inizio di questo mese per un piano di frode elettorale volto a mantenere Trump in carica in Wisconsin, tra cui il funzionario della campagna Mike Roman e gli avvocati Kenneth Chesbro e James Trubis.

Ad aprile un gran giurì statale dell’Arizona ha incriminato l’ex avvocato di Trump Rudy Giuliani e altri aiutanti di Trump di frode elettorale in relazione a un’indagine sui presunti tentativi dell’ex presidente e dei suoi associati di ostacolare la vittoria elettorale di Joe Biden. Quello stato nel 2020.

La squadra di Trump ha contribuito a produrre certificati falsi in New Mexico e Pennsylvania, ma in quegli stati gli elettori fraudolenti non sono stati accusati. Aggiunta una clausola che stabilisce che gli elettori non validi in entrambi gli stati presenterebbero i loro certificati se fossero riconosciuti come elettori idonei e debitamente eletti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *