Il giudice federale blocca temporaneamente la norma che vieta i patti di non concorrenza

Mercoledì un giudice federale del Texas ha bloccato temporaneamente una norma della Federal Trade Commission che vieta gli accordi di non concorrenza, una nuova normativa fortemente contrastata dai gruppi imprenditoriali.

In un parere di 33 pagine, il giudice Ada Brown ha ritenuto che l’agenzia non avesse l’autorità per emanare una norma che renderebbe illegale per i datori di lavoro includere accordi di non concorrenza nei contratti dei lavoratori. L’ordinanza di Brown, che è limitata ai querelanti, posticipa la data di entrata in vigore della norma del 4 settembre fino a quando la corte non prenderà una decisione nel merito del caso, che secondo lui sarebbe avvenuta entro il 30 agosto. I querelanti includono il consulente fiscale di Dallas e la Camera di commercio degli Stati Uniti.

La norma della FTC potrebbe colpire milioni di lavoratori al di fuori della sua giurisdizione quando inizia il contenzioso, con alcuni studi che suggeriscono che fino a un dipendente su cinque è vincolato da accordi di non concorrenza.

Gli accordi di non concorrenza in genere impediscono ai datori di lavoro di cambiare settore per un determinato periodo di tempo. Sono utilizzati in un’ampia gamma di professioni – tra cui tecnologia, parrucchiere, medicina e insegnamento della danza – che interessano lavoratori con salari da bassi ad alti.

essere preso

Storie da raccontarvi

Ad aprile, la FTC ha votato 3-2 per vietare gli accordi, con la maggioranza dei commissari che ha fatto riferimento a ricerche che dimostrano che tali accordi sopprimono i salari, soffocano l’imprenditorialità e gonfiano i mercati del lavoro. I critici della norma, compresi gruppi imprenditoriali come la Camera di commercio degli Stati Uniti, hanno sostenuto che gli accordi erano uno strumento importante per proteggere gli investimenti nelle informazioni proprietarie e nella formazione.

La Camera e altri gruppi imprenditoriali hanno fatto causa per bloccare la norma subito dopo la sua pubblicazione, sostenendo che la FTC non aveva l’autorità per emanare un regolamento con effetti così radicali sull’economia.

La Camera si è successivamente unita a una causa intentata dalla società di consulenza fiscale globale Ryan LLC, con sede a Dallas, che ha fatto causa per bloccare la norma nel distretto settentrionale del Texas il 23 aprile, il giorno in cui la FTC ha emesso la sua sentenza. La Business Roundtable, la Texas Association of Business e la Camera di Commercio di Longview si sono unite alla causa dopo la presentazione della domanda iniziale.

“Questa sentenza è una vittoria importante nella lotta della Camera contro la microgestione delle decisioni aziendali da parte del governo”, ha affermato in una nota Daryl Josepher, consigliere capo della Camera. “Il divieto totale della FTC di non competere è una presa di potere illegale che viola l’autorità costituzionale e statutaria dell’agenzia e crea un pericoloso precedente che il governo conosce meglio dei mercati.”

La FTC ha affermato che sta rivedendo la decisione e valutando i prossimi passi.

“La FTC sostiene la nostra chiara autorità, supportata dalla legge e dai precedenti, per emanare questa regola”, ha detto in una nota il portavoce della FTC Douglas Farrar. “Continueremo a lottare per liberare gli americani che lavorano duramente dalla concorrenza illegale, che soffoca l’innovazione, soffoca la crescita economica, intrappola i lavoratori e mina la libertà economica degli americani”.

Nel prendere la sua decisione, Brown ha ritenuto che i ricorrenti “probabilmente prevarrebbero nel merito” del loro caso, sostenendo che la FTC ha ecceduto la sua autorità statutaria nell’emettere la norma. Si è schierato dalla parte dei querelanti nel ritenere che la disposizione della norma della FTC non fosse ragionevole.

“La Commissione non ha prove del motivo per cui ha scelto di imporre un divieto così ampio – che vieta l’ingresso o l’attività di quasi tutti i soggetti non competitivi – piuttosto che prendere di mira specifici soggetti non competitivi dannosi. [rule] Arbitrario e capriccioso”, ha scritto Brown.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *