La Corte Suprema lascia agli investitori le tasse estere dell’era Trump: NPR

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato una grande tassa offshore sugli investitori.

Saul Loeb/AFP/Getty Images


Nascondi titolo

Cambia il titolo

Saul Loeb/AFP/Getty Images

Giovedì la Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata contro una coppia che ha contestato la costituzionalità dei tagli fiscali dell’era Trump, consegnando al governo la vittoria in un caso che ha importanti potenziali conseguenze per il bilancio federale.

Nel 2017 è stata promulgata una tassa come parte del massiccio taglio delle imposte societarie voluto dal presidente Trump e per reprimere l’evasione fiscale offshore. Ciò è stato contestato da Charles e Kathleen Moore, che hanno dovuto pagare una tassa una tantum di 15.000 dollari su investimenti in India per un valore compreso tra 40.000 e più di mezzo milione di dollari.

Sostenuta da gruppi conservatori anti-regolamentazione, la coppia ha affermato di non avere alcun reddito imponibile perché non ha ricevuto contanti o dividendi dalla società. Sostenevano che l’imposta violasse il sedicesimo emendamento della Costituzione, emanato nel 1913, che conferisce al Congresso il potere di imporre tasse sul reddito.

Sostenevano che questa imposta non era sul reddito e quindi incostituzionale.

Ma la Corte Suprema non è d’accordo con un margine di 7 a 2.

Sebbene il caso possa sembrare ambiguo sulla carta, potrebbe avere conseguenze fiscali per trilioni di dollari per il bilancio federale, e una decisione avversa potrebbe limitare gravemente le opzioni del Congresso nell’attuazione della politica fiscale.

In effetti, l’ex presidente repubblicano Paul Ryan ha guidato la tassa attraverso la Camera dei Rappresentanti, avvertendo che se la tassa fosse stata abrogata, avrebbe svelato un terzo del codice fiscale.

Il Congresso ha adottato l’imposta come imposta una tantum per coprire i trasferimenti da un regime fiscale internazionale a un altro. Con il vecchio sistema, se guadagnavi un reddito estero in una società straniera di tua proprietà, non dovevi pagare le tasse su quel reddito finché non riportavi quel profitto negli Stati Uniti. Il Congresso lo vide come un incentivo perverso a mantenere i profitti offshore e, secondo alcune stime, fino a 3 trilioni di dollari furono garantiti in profitti offshore protetti.

L’idea era che il passaggio a un nuovo sistema avrebbe richiesto un’unica tassa di transizione del sistema, a un’aliquota inferiore. Per i Moore, la tassa una tantum era di $ 15.000, tra l’altro un rimborso per le spese di viaggio di Charles Moore quando si recò in India per le riunioni del consiglio.

Gli esperti di diritto fiscale, dai conservatori ai liberali, sono stati ampiamente sollevati dalla decisione di giovedì. Si prevede che la tassa raccoglierà 340 miliardi di dollari entro il 2027, principalmente da grandi aziende, che hanno già raccolto la parte del leone di tali tasse e avrebbero dovuto rimborsarle se la corte avesse deciso diversamente.

Inoltre, varietà Altri Anche le norme fiscali emanate per prevenire l’evasione fiscale da parte dei ricchi potrebbero essere a rischio, secondo George Callas, membro repubblicano dei comitati congressuali per la redazione delle tasse da 15 anni.

Nel caso dei Moore, possedevano l’11% della società indiana e, secondo la legge federale, questo è considerato un interesse di controllo, il che significa che i proprietari hanno influenza sulla tempistica di eventuali distribuzioni e dividendi, che è una leva che il Congresso voleva controllare. Per prevenire l’evasione fiscale.

Gli avvocati della coppia li hanno descritti come se non avessero alcun ruolo attivo nella società. Ma comunque DocumentiLa pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi dimostra che Charles Moore era più coinvolto nella gestione dell’azienda di quanto suggerisse. recordHa fatto parte del consiglio di amministrazione dell’azienda per cinque anni tra il 2012 e il 2017, ha rimborsato migliaia di dollari in spese di viaggio da e per l’India e, cosa più importante, ha pagato all’azienda contanti a breve termine. Non sono mai stati utilizzati ma sono stati rimborsati dopo 60 giorni con un interesse del 12%. Callus, ex membro dello staff fiscale del Congresso, vede chiaramente questo come “sospetto”.

“Perché dovresti prestare denaro a un’azienda per 60 giorni, lasciarlo riposare su un conto bancario, non usarlo mai e poi restituirlo a un tasso di interesse enorme, se non cerchi di trovare un modo per ottenerlo? i soldi fuori dalla compagnia senza chiamarli?” dice Callo.

Una falange di gruppi conservatori, anti-regolamentazione e anti-fiscalità si è schierata contro la tassa nel caso di martedì, inclusa la Camera di commercio degli Stati Uniti, anche se il gruppo ha sostenuto la legge fiscale del 2017 che includeva la disposizione pubblicata giovedì. caso.

Callas, che era capo consulente fiscale del presidente Ryan al momento della negoziazione del disegno di legge, osserva che i repubblicani della Camera hanno apportato diverse modifiche specifiche al disegno di legge fiscale del 2017 su richiesta della Camera e di altre parti interessate, ma non c’è stato alcun dibattito. “Qualsiasi “vulnerabilità costituzionale”. È un “dibattito su come modellare adeguatamente la politica”.

“Mi sembra opportunistico”, ha detto in un’intervista a NPR lo scorso dicembre, “che la Camera e altri stakeholder trovino preoccupazioni costituzionali che non avevano sollevato prima di anni dopo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *