L’OPEC+ mantiene la politica stabile nonostante l’economia vacillante, il petrolio russo frena

  • Nessuna discussione sul tetto dei prezzi russo – rappresentanti
  • I prezzi del petrolio sono sotto pressione a causa di un’economia debole
  • I prossimi incontri si terranno il 1 febbraio e il 3-4 giugno

LONDRA/DUBAI, 4 dic (Reuters) – L’OPEC+ ha concordato di attenersi ai suoi obiettivi di produzione di petrolio in una riunione di domenica, mentre i mercati petroliferi faticano a valutare l’impatto del tetto dei prezzi del G7 sulla domanda e l’offerta dell’economia cinese. .

La decisione arriva due giorni dopo che i paesi del Gruppo dei Sette (G7) hanno concordato un prezzo massimo per il petrolio russo.

L’OPEC+, che include l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e alleati tra cui la Russia, ha concordato in ottobre di tagliare la produzione globale del 2% di 2 milioni di barili (bpd), facendo arrabbiare gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali. Necessario da novembre a fine 2023.

Washington ha accusato il gruppo e uno dei suoi leader, l’Arabia Saudita, di schierarsi con la Russia nonostante la guerra di Mosca in Ucraina.

L’OPEC+ ha affermato di aver tagliato la produzione a causa delle deboli prospettive economiche. I prezzi del petrolio sono diminuiti da ottobre a causa del rallentamento della crescita cinese e globale e dei tassi di interesse più elevati, alimentando la speculazione del mercato secondo cui il gruppo potrebbe tagliare nuovamente la produzione.

Ma domenica il Gruppo Produttori Olio ha deciso di mantenere invariata la politica. I suoi primi ministri il prossimo febbraio. Incontreranno il Comitato di Sorveglianza il 1° giugno, mentre una riunione completa è prevista per il 3-4 giugno.

Venerdì, i paesi del G7 e l’Australia hanno concordato un prezzo massimo di 60 dollari al barile per il greggio russo trasportato via mare. È stata una mossa che avrebbe interrotto il flusso di petrolio russo verso i mercati globali e avrebbe privato il presidente Vladimir Putin delle entrate.

Mosca ha detto che non venderà il suo petrolio sotto il limite e sta studiando come rispondere.

Molti analisti e ministri dell’OPEC hanno definito il tetto dei prezzi confuso e inefficace, poiché Mosca vende gran parte del suo petrolio a paesi come Cina e India, che si sono rifiutati di condannare la guerra in Ucraina.

Né la riunione dell’OPEC di sabato né quella dell’OPEC+ di domenica hanno discusso del tetto massimo russo, hanno detto le fonti.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato domenica che taglierà la produzione piuttosto che fornire petrolio al di sotto del limite di prezzo e ha affermato che il limite potrebbe danneggiare altri produttori.

Fonti hanno riferito a Reuters che diversi membri dell’OPEC+ hanno espresso frustrazione per il fatto che l’azione anti-mercato possa essere eventualmente utilizzata dall’Occidente contro qualsiasi produttore.

Gli Stati Uniti hanno affermato che la mossa non era mirata all’OPEC.

L’OPEC+ potrebbe rivedere la produzione nel nuovo anno sulla base di nuovi dati sulla conformità dei consumatori alle tendenze della domanda cinese e ai limiti di prezzo sulla produzione di greggio russo e sul traffico di navi cisterna, ha affermato venerdì JP Morgan.

Segnalazione di Maha El Dahan e Rowena Edwards, montaggio di Kirsten Donovan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.