Mentre l’incendio di Thompson si allontana, un altro incendio in California richiede l’evacuazione

Un altro incendio in rapido movimento è scoppiato in California, questa volta vicino alla città di accesso al Parco nazionale di Yosemite, provocando evacuazioni obbligatorie e chiusure temporanee delle strade.

L’incendio francese è iniziato giovedì sera su French Camp Road nella contea di Mariposa dopo che un’ondata di caldo ha portato giorni di temperature torride. Alle 13:14 ora locale di venerdì, l’incendio si era esteso a 843 acri ed era contenuto al 15%. Unità Madera-Mariposa-Merced di Cal Fire.

Alcuni dei 1.100 residenti costretti ad evacuare hanno potuto tornare a casa venerdì pomeriggio. Venerdì, il governatore Gavin Newsom (D) si è assicurato una sovvenzione dalla Federal Emergency Management Agency, il secondo finanziamento che la California ha ricevuto questa settimana per aiutare a combattere gli incendi.

L’incendio francese è l’ultimo incendio scoppiato in California nel mezzo di una stagione degli incendi particolarmente pericolosa. Proprio questa settimana, 23 fuoco La repressione in tutto lo stato ha spinto alcune città a cancellare i fuochi d’artificio del 4 luglio. La maggior parte degli incendi attivi sono contenuti almeno al 50%, senza vittime.

I vigili del fuoco hanno contenuto l’incendio francese durante la notte dopo che i venti si sono calmati. Gli Huldozer e le squadre dei vigili del fuoco si stanno ora concentrando sul lato est dell’incendio dopo aver costruito una linea sul lato est di Mariposa. Una chiesa è stata designata come luogo di evacuazione temporanea. La causa dell’incendio è ancora oggetto di indagine.

L’incendio ha chiuso un tratto di 1,6 miglia della State Route 140, una delle strade principali in entrata e in uscita da Yosemite, ma è stato riaperto venerdì pomeriggio mentre i vigili del fuoco facevano progressi.

Le squadre dei vigili del fuoco della California hanno fatto progressi negli ultimi giorni nel contenere l’incendio di Thompson nella contea di Butte, nel nord della California, lavorando in un contesto di temperature elevate che dovrebbero raggiungere i 114 gradi venerdì. L’incendio è cresciuto fino a 3.789 acri ed è stato contenuto al 46% a partire da venerdì mattina. Oroville, una città di circa 20.000 abitanti, non è sfuggita ai danni: 25 edifici sono stati distrutti da un incendio. Inoltre, due vigili del fuoco sono rimasti feriti.

Secondo il servizio forestale degli Stati Uniti, Cal Fire ha aggiunto 200 squadre all’incendio di Thompson, portando il totale a 2.219 squadre che lavorano su operazioni di rastrellamento, mettendo fuori uso o rimuovendo materiali combustibili per ridurre la possibilità di uscite di sicurezza. Alejandro Soligo, responsabile della pubblica informazione dei Thompson Fire, ha affermato che l’obiettivo è “finire” l’operazione entro il 15 luglio.

“È molto positivo. Stiamo continuando le nostre operazioni di rastrellamento e il nostro personale sta lavorando diligentemente con i nostri operatori per mantenere il controllo”, ha affermato.

I vigili del fuoco utilizzano cicli di lavoro-riposo per garantire il benessere ed evitare lesioni da calore, ha affermato.

L’incendio boschivo è scoppiato martedì mattina. Quello stesso pomeriggio, sebbene Thompson non fosse correlato all’incendio, le autorità hanno arrestato un residente di Oroville di 61 anni che si è ritirato utilizzando una torcia a propano. Successivamente è stato arrestato con l’accusa di incendio boschivo illegale. La causa dell’incendio di Thompson è ancora oggetto di indagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *