Russell ha vinto quando Verstappen e Norris si sono scontrati

George Russell vinse un Gran Premio d’Austria che cambiò radicalmente quando il leader di lunga data Max Verstappen si scontrò con il seguace di lunga data Lando Norris.

La Red Bull e la McLaren sono entrate in contatto nella curva 3, stretta e in salita, del Red Bull Ring a sette giri dalla fine della gara da 71 giri, con Norris in testa a Verstappen dopo che l’olandese aveva perso una lunga seconda sosta.

Diverse volte Norris ha attaccato alla curva 3, mentre i limiti della pista venivano colpiti durante il suo inseguimento per entrare e rimanere nel raggio TRS di Verstappen.

Al 59esimo giro, Norris si è tuffato e si è bloccato mentre Verstappen si è spostato, il che significa che la McLaren è scivolata nel ballottaggio, consentendo alla Red Bull di correre per il 4° posto.

Non è stato sufficiente per impedire a Norris di oltrepassare i limiti della pista per la quarta volta nella sua partita e guadagnare altri cinque secondi, ma i due sono venuti alle mani prima di essere espulsi.

Al 54esimo giro, con l’avvicinarsi della curva 3, Norris si è spostato all’esterno di Verstappen e si sono toccati mentre la Red Bull si è spostata a sinistra, uscendo entrambi con delle forature.

Tutti sono dovuti rientrare ai box e i danni al ponte posteriore hanno costretto Norris al ritiro, il che significa che Russell, che era stato terzo in tutte le gare dietro ai primi due, ha preso il comando mentre continuava.

È stata necessaria una breve safety car virtuale per rimuovere i detriti dalla pista di Russell, secondi davanti a Oscar Piastre e Carlos Sainz.

Alla partenza, Verstappen si è allontanato dalla pole e ha lasciato Norris dietro nella prima fase, con la McLaren che ha cercato di rassicurarlo sul fatto che le sue gomme extra medie avrebbero fatto la differenza in seguito. L’intero settore è iniziato dopo i media.

Ma quella sembrava una flebile speranza dato che Verstappen si è tenuto alla larga per tutta la prima fase, con un vantaggio di quasi sei secondi prima di fermarsi ai box al 23esimo giro per raccogliere le gomme dure.

Nello stesso momento in cui Norris è entrato, la Red Bull è stata rilasciata nella sua corsia e ha costretto la McLaren a frenare mentre si avvicinava al box.

Nel secondo stint, Verstappen ha nuovamente guidato bene, anche se non così velocemente come nel primo stint, con un vantaggio che ha raggiunto gli otto secondi a metà gara.

Qui Norris ha iniziato a tornare indietro nel tempo, Verstappen ha lottato per mantenere vive le probabilità e le vetture Haas doppiate dietro di lui in questa fase.

La Red Bull ha tenuto fuori Verstappen più a lungo di quanto avrebbe voluto prima di essere fermato per prendere i mezzi usati, il suo vantaggio è stato ridotto a 6,5 ​​secondi – i suoi extra pre-gara sono stati evitati – mentre Norris era indietro al 51esimo giro. .

Uno spostamento più lento del posteriore sinistro e questa volta un’uscita conservativa hanno fatto sì che il precedente vantaggio di Verstappen fosse improvvisamente ridotto a meno di due secondi, con Norris che lavorava duramente per entrare nel DRS e dare il via a tutto il dramma che stava per seguire.

Dietro Russell, Piastre ha concluso vincendo a sorpresa con un distacco di 1,9 secondi, con Sainz terzo, superato dalla McLaren quando Piastre ha fatto una mossa coraggiosa alla curva 6 dopo la collisione Verstappen/Norris.

Lewis Hamilton è arrivato quarto – penalizzato di 5 secondi per aver attraversato la pit lane alla prima sosta della gara, il sette volte campione del mondo ha colpito i cordoli della curva 8 troppo forte per danneggiare il marciapiede e Piastre lo ha superato nella seconda tappa. .

Verstappen è arrivato quinto con 10 secondi in più aggiunti alla sua collisione con Norris secondo gli steward.

Nico Hulkenberg ha scavalcato Sergio Perez al sesto posto, mentre Kevin Magnussen ha conquistato il doppio dei punti per la Haas all’ottavo posto, dove i suoi piloti hanno lottato duramente nelle prime fasi.

Daniel Ricciardo ha concluso nono per la RB, e Pierre Gasly ha completato la top 10 dopo aver vinto uno scontro serrato e difficile a metà gara con il suo compagno di squadra alpino Esteban Ocon.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *