Scopri quanto pagano i prezzi delle case dove vivi: NPR

Milioni di americani hanno già rimandato l’acquisto di una casa e il costo per acquistarne una continua ad aumentare.

Nei decenni passati, era comune trovare una casa che valesse tre volte il reddito annuo dell’acquirente. Ma dopo la pandemia di Covid-19, tale tasso è aumentato del 47% dall’inizio del 2020. Lo scorso anno i prezzi medi di vendita delle case erano più di cinque volte il reddito familiare medio. Un rapporto appena pubblicato E ci sono segnali che la situazione stia peggiorando, secondo l’Harvard Housing Studies Joint Center.

Il doppio colpo dei prezzi elevati e degli alti tassi ipotecari ha “reso la proprietà della casa fuori dalla portata di tutti tranne che delle famiglie più avvantaggiate”, afferma Daniel McCue, ricercatore senior del centro.

Il rapporto ha rilevato che in quasi la metà delle aree metropolitane, gli acquirenti devono guadagnare più di 100.000 dollari per acquistare una casa a prezzo medio; Nel 2021 era presente solo nell’11% dei mercati.

Inserisci la tua città qui sotto per vedere come è cambiato il divario tra reddito e prezzi delle case nel luogo in cui vivi.

L’aumento delle tasse sulla proprietà e dei tassi assicurativi si aggiunge all’onere finanziario per i potenziali acquirenti, così come per gli attuali proprietari di case. Secondo le stime di Harvard, “tutte le spese mensili di una casa a prezzo medio negli Stati Uniti [when adjusted for inflation] Questi dati sono i più alti da quando furono raccolti per la prima volta, oltre 30 anni fa.”

Ciò ha reso ancora più difficile colmare il divario razziale nella proprietà della casa. Nel primo trimestre del 2024, solo l’8% degli affittuari neri e il 13% degli affittuari ispanici avevano un reddito sufficiente per effettuare pagamenti mensili su una casa a prezzo medio, secondo il rapporto.

Nel frattempo, le vendite di case sono crollate poiché molti proprietari di case esitano a vendere e a ripagare i bassi tassi ipotecari. L’anno scorso si è registrato il livello più basso di vendite di case esistenti in quasi tre decenni, il più basso dal crollo immobiliare del 2008. Il tasso di proprietà di case negli Stati Uniti è aumentato solo di 0,1 punti percentuali lo scorso anno, l’aumento più piccolo dal 2016.

Anche la crisi immobiliare ha contribuito a far lievitare i prezzi degli affitti

L’aumento dei costi immobiliari ha costretto milioni di persone ad affittare, aumentando la concorrenza e anche i prezzi sul mercato. Harvard ha scoperto che circa la metà degli affittuari registrati negli Stati Uniti ora ritiene che la propria casa sia inaccessibile. Dal 2001, gli affitti adeguati all’inflazione sono aumentati 10 volte più velocemente dei redditi degli affittuari.

Gli esperti del settore abitativo affermano che il problema di fondo sia per gli acquirenti che per gli affittuari è una massiccia carenza di alloggi che si è accumulata nel corso di decenni e che richiederà anni per essere risolta. La costruzione unifamiliare è in aumento e alcuni costruttori stanno costruendo case più piccole e meno costose. Il boom delle costruzioni multifamiliari ha contribuito ad allentare gli affitti, soprattutto in luoghi come Austin, in Texas, che hanno visto enormi aumenti negli ultimi anni.

Ma gli autori del rapporto di Harvard sostengono che il rilassamento difficilmente durerà.

Per prima cosa, gli alti tassi di interesse e altri costi in aumento – terreni, manodopera, assicurazioni – hanno nuovamente rallentato la costruzione di appartamenti. E poiché sono tutti molto costosi, la maggior parte viene costruita nella fascia alta del mercato. Negli ultimi dieci anni, gli Stati Uniti hanno perso più di 6 milioni di unità con affitti inferiori a 1.000 dollari. Per gli affittuari a basso reddito, la Coalizione nazionale per gli alloggi a basso reddito calcola Per ogni 100 case possono permettersi solo 34 lotti.

Allo stesso tempo, la domanda di affitti rimane forte, soprattutto perché sempre più membri della Generazione Z si mettono in proprio. L’anno scorso il numero di case in affitto è aumentato di oltre mezzo milione, la crescita maggiore dal 2016.

Se la domanda continua ad aumentare mentre persiste il rallentamento dell’edilizia, avverte il rapporto di Harvard, “si rischia di innescare un altro periodo di rapidi aumenti degli affitti simili al recente rialzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *