SpaceX lancia più satelliti per NRO dalla base spaziale di Vandenberg – Space Flight Now

Il 28 giugno 2024, un razzo SpaceX Falcon 9 è decollato dalla base spaziale di Vandenberg con la missione NROL-186. Immagine: SpaceX

SpaceX ha lanciato venerdì sera una missione di sicurezza nazionale per conto del National Reconnaissance Office (NRO) degli Stati Uniti dalla base spaziale di Vandenberg. L’agenzia di intelligence ha descritto la missione classificata come “il secondo lancio dell’architettura aumentata di NRO per fornire alla nazione capacità critiche ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance) basate sullo spazio”.

Il razzo Falcon 9 a supporto della missione è decollato dallo Space Launch Complex 4 East (SLC-4E) alle 20:14 PDT (23:14 EDT, 03:14 UTC), all’inizio di una finestra di due ore.

Il booster del primo stadio Falcon 9 a supporto della missione, numero di coda B1081 nella flotta SpaceX, lanciato per l’ottava volta. Le sue missioni precedenti includono il lancio dell’astronauta Crew-7 sulla Stazione Spaziale Internazionale, due satelliti per il monitoraggio del clima (BASE della NASA e EarthCare dell’Agenzia spaziale europea) e due voli Starlink.

Otto minuti dopo il decollo, il drone B1081 è atterrato a bordo, dicendo: “Certo che ti amo ancora”. Questo è il 95esimo atterraggio di booster per OCISLY e il 326esimo atterraggio di booster fino ad oggi.

L’architettura proliferativa prospera

La missione è il secondo lancio della cosiddetta “architettura ampia” della NRO, dopo il lancio della missione NROL-146 a maggio. Un rapporto Reuters all’inizio di quest’anno suggeriva che i satelliti fossero basati sul bus satellitare StarShield sviluppato da SpaceX in collaborazione con Northrop Grumman.

In una dichiarazione a Spaceflight Now, l’NRO ha dichiarato:

“I sistemi NRO sono progettati, costruiti e gestiti dalla NRO. Per una questione di sicurezza nazionale, non discutiamo delle organizzazioni coinvolte nella creazione dei nostri sistemi, dei nostri rapporti contrattuali con loro, delle loro funzioni specifiche o dei luoghi in cui vengono costruiti i sistemi NRO.

La società ha inoltre rifiutato di confermare quanti satelliti sono impegnati in queste missioni e nelle loro orbite. In un discorso prima del Simposio sullo spazio di quest’anno in Colorado, Il dottor Troy Meinck, il vicedirettore principale della NRO, ha detto che quest’anno ci saranno “circa una mezza dozzina di questi missili”.

Queste missioni non sono state assegnate come parte dell’ordine di missione di Fase 2 del National Security Space Launch (NSSL). Questo perché l’NRO ha richiesto queste attività prima che venissero assegnate le attività dell’ordine di lavoro della terza fase.

“NRO sta acquisendo la Fase 3 con l’Assicurato Access Space Team dell’USSF Space Systems Command e avrà un impatto sullo sviluppo della Fase 3, Corsia 1”, ha riconosciuto che abbiamo bisogno di un ponte tra la Corsia 1. Di conseguenza, alcuni lavori sono stati appaltati all’esterno dell’NSSL è stato e continuerà ad essere il meccanismo principale dell’NRO per l’approvvigionamento di servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *